Condominio - Nomina e revoca dell'amministratore di condominio



 

Egregio avvocato,abito in una palazzina di 8 appartamenti ma con 2 ingressi pedonali e quindi 2 numeri civici diversi. Da ogni ingresso si accede a 4 appartamenti su 2 piani ed il cortile l'ingresso carraio è in comune.Fino ad ora ci siamo amministrati noi stessi a turno di un anno ma adesso in seguito a spiacievoli divergenze, io potrei imporre un anninistratore di condominio esterno? grazie distinti saluti

 

RISPOSTA



La risposta alla tua domanda è contenuta nell'articolo 1129 del codice civile:

Art. 1129 - Nomina e revoca dell'amministratore

1. Quando i condomini sono più di quattro, l'assemblea nomina un amministratore. Se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria, su ricorso di uno o più condomini.
2. L'amministratore dura in carica un anno e può essere revocato in ogni tempo dall'assemblea.
3. Può altresì essere revocato dall'autorità giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino, oltre che nel caso previsto dall'ultimo comma dell'articolo 1131, se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, ovvero se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità.
4. La nomina e la cessazione per qualunque causa dell'amministratore dall'ufficio sono annotate in apposito registro


Nel tuo caso i condomini sono otto, perchè il cortile e l'ingresso carraio sono beni in comune di tutti i proprietari degli appartamenti in questione.
Devi proporre la nomina dell'amministratore di condominio, durante la prossima assemblea condominiale; in caso di rifiuto, da parte degli altri condomini, devi rivolgerti ad un avvocato, per presentare ricorso giudiziale.
Il tribunale nominerà l'amministratore di condominio.
Cordiali saluti.