Condiminio - Posto auto esterno al condominio



 

Salve vi espongo il mio problema

Ho acquistato un appartamento con relativo box, alcune persone invece hanno comprato un’appartamento un box e un posto auto esterno.

Da quello che vedete sotto ( tratto dal rogito di una di quelle persone con posto auto esterno ) non si capisce bene se il posto auto esterno è di proprietà della persona che lo ha acquistato oppure è di proprietà del condominio.

Vi chiedo questo perché un domani se si dovesse fare l’asfalto del posto auto acquistato da solo qualche condomino la spesa che si dovrà pagare sarà del solo condomino proprietario del posto auto oppure dovranno pagare tutti i condomini in maniera proporzionale ai relativi millesimi.

Vi ringrazio per tutto

 

RISPOSTA



In base alle disposizioni contenute nel rogito, il condomino non è proprietario del posto auto esterno, ma titolare del “diritto d’uso esclusivo e perpetuo, a titolo di servitù, di una porzione dell’area comune del supercondominio da destinare a parcheggio”.
Il posto auto esterno è di proprietà del condominio, tuttavia le spese per sistemare l’asfalto dello specifico posto auto, saranno a carico del singolo condomino che usufruisce del diritto d’uso, ai sensi delle norme in materia di servitù, che riporto in seguito:

Art. 1030 del codice civile

Prestazioni accessorie.

Il proprietario del fondo servente (nel tuo caso il supercondominio) non e' tenuto a compiere alcun atto per rendere possibile l'esercizio della servitù da parte del titolare, salvo che la legge o il titolo disponga altrimenti.

Art. 1069 del codice civile

Opere sul fondo servente.

Il proprietario del fondo dominante, nel fare le opere necessarie per conservare la servitù, deve scegliere il tempo e il modo che siano per recare minore incomodo al proprietario del fondo servente. Egli deve fare le opere a sue spese, salvo che sia diversamente stabilito dal titolo o dalla legge. Se però le opere giovano anche al fondo servente, le spese sono sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi.

Applichiamo con un’interpretazione analogica, le norme al tuo caso: il legislatore ha predisposto tali articoli, in materia di servitù prediali (ossia del fondo dominante nei confronti del fondo servente).
Ai sensi dell’articolo 1030 c.c., le spese per rendere possibile o più comodo/agevole l’esercizio della servitù, sono a carico del titolare del diritto d’uso, quindi del singolo condomino.
L’articolo 1069 c.c. conferma tale principio giuridico generale: il singolo condomino deve fare le opere relative al posto auto, a sue spese.
In sintesi: il condomino che usufruisce del diritto d’uso dovrà sopportare i costi necessari per continuare a godere del diritto, nel corso degli anni, a prescindere dal fatto che il titolare della nuda proprietà sia il supercondominio.
Cordiali saluti.