Mediazione condominiale obblighi del mediatore validità delibera assemblea condominiale





Cortesi Avvocati, ho impugnato una delibera condominiale per tabella millesimale e sono dovuto passare per la mediazione obbligatoria.
L'amministratore ha convocato assemblea per avere la delega e le volontà del condominio . Alla data di incontro con il mediatore l'avv. dell'amministratore ha presentato una delibera da assemblea regolarmente costituita del cui verbale non mi era ancora stata consegnata copia.ho dato per valida l'assemblea dato che sia il mediatore che gli avvocati non hanno sollevato errori e ho acconsentito a procedere con una ulteriore mediazione per un costo di 800 euro. A distanza di 2 mesi, mi sono accorta che in assemblea si sono costituiti 655 millesimi anziché 667 (2/3 di 1000) e una condomina ha consegnato ben 13 deleghe anziché max 6 come previsto dalla nuova normativa. Mi chiedo e'  compito e responsabilita' dell'avvocato mediatore verificare la validita' assembleare ?



RISPOSTA



Assolutamente no, ai sensi di quanto previsto dall'articolo 1 e dall'articolo 8 del decreto legislativo 04.03.2010 n° 28 che ha inizialmente previsto la mediazione obbligatoria e gli organismi di mediazione.
E' compito semmai dell'avvocato della parte del procedimento di mediazione, controllare la validità dell'assemblea, nell'interesse del suo assistito.

Il mediatore secondo l'articolo 1 del decreto legislativo di cui sopra è privo “ in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari del servizio medesimo”.
Non solo: il suo compito consiste nel ricercare “ un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa”.

L'articolo 8 invece esplicita più chiaramente i compiti del mediatore:

1. durante il primo incontro il mediatore chiarisce alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione

2. invita poi le parti e i loro avvocati a esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione

3. procede con lo svolgimento e con la ricerca dell'accordo bonario

Il decreto legislativo in materia di mediazione non prevede una norma come l'articolo 113 del codice di procedura civile. Non è riportata in nessun articolo del decreto, la norma “il mediatore deve seguire le norme del diritto”.

Art. 113 c.p.c. Pronuncia secondo diritto 

Nel pronunciare sulla causa il giudice deve seguire le norme del diritto, salvo che la legge gli attribuisca il potere di decidere secondo equita'.


Tanto premesso, nei confronti del mediatore condominiale, non sorge in questa caso alcuna responsabilità.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.