Spese ascensore condominiale a carico del proprietario piano terra





Nel mio condominio, sono proprietario di due appartamenti, uno ubicato al piano terra, ed un altro, ubicato al piano mansardato, in corso di costruzione e di un vano garage.
Il garage non ha l'ascensore ( si ferma al pian terreno) e non ho mai pagato spese dell'ascensore, infatti nelle vecchie tabelle millesimali alla voce spese ascensore avevo zero millesimi.

Zero millesimi erano assegnati al piano mansardato in quanto in corso di costruzione ( cosa che lo è tutt'ora). zero millesimi generali, per le scale, e per l'ascensore.

L'assemblea condominiale ha tuttavia adottato di recente altre tabelle con la maggioranza del secondo comma del 1136, ma ecco il punto... mi si chiede di pagare l'ascensore anche per il garage, per l'appartamento in corso di costruzione, idem l'autoclave ( garage e appartamento in corso di costruzione) e le scale.

A mio avviso è ingiusto, non credo di dover pagare tutto questo. Cosa dice la legge al riguardo?

Cordialmente



RISPOSTA



Cosa prevede la giurisprudenza, circa l'onere delle spese relative all'ascensore, a carico dei condomini del piano terra ?
Secondo la Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 25 febbraio – 30 aprile 2015, n. 8823, si applica la norma apposita inserita nel codice civile [articolo 1124 del codice civile] secondo cui la spesa relativa è ripartita tra i condomini secondo il seguente criterio a) metà della spesa viene ripartita in base al valore delle singole unità immobiliari (quindi, secondo millesimi);
b) e per l’altra metà esclusivamente in misura proporzionale all’altezza di ciascun piano dal suolo del singolo appartamento.
I condomini al piano terra devono sopportare le spese dell'ascensore ma ovviamente, sono esentati dalla quota di cui alla lettera B; dovranno pagare soltanto la quota di cui alla lettera A, in ragione dei millesimi di cui al locale ubicato al piano terra.

Appartamento in stato di costruzione ?

Il proprietario dell'appartamento condominiale in stato di costruzione, deve partecipare alle spese condominiali, in ragione della giurisprudenza della Cassazione che qualifica l'obbligo di partecipazione alle spese condominiali, come obbligazione propter rem, quindi un obbligo che sorge per il semplice fatto di essere proprietario di una unità abitativa all'interno del fabbricato condominiale a prescindere dall'uso della stessa come abitazione civile (Cass. 18 aprile 2003 n. 6323).

Detto ciò, occorre capire quali sono gli impianti in funzione nell'appartamento in stato di costruzione. Se nell'appartamento manca l'allaccio dell'acqua, è ovvio che il proprietario non pagherà la quota relativa al consumo dell'acqua. Stesso discorso se manca l'allaccio al riscaldamento centralizzato !
Le spese relative alla pulizia delle scale oppure il compenso all'amministratore saranno sopportate anche dal proprietario dell'appartamento in corso di costruzione.

Le spese per la pulizia delle scale ? Stesse modalità previste per le spese dell'ascensore: metà della quota è pagata da tutti in ragione dei millesimali, l'altra metà in ragione dell'altezza del piano.
Quindi il proprietario del locale a piano terra è esentato dalla quota relativa all'altezza del piano ove è ubicato l'appartamento.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.