Ripartizione spese per l'adeguamento alle norme antincendio dei box condominiali





In data 12/12/2016 l'assemblea del mio condominio ha approvato, tra l'altro, un preventivo di spesa di € 19.850 per l'adeguamento alle norme antincendio dei locali relativi ai box condominiali. E' stato altresì deliberato che i condomini verseranno la quota di pertinenza della spesa in 10 rate uguali, da gennaio ad agosto 2017. Anche se non ero presente in assemblea, nemmeno per delega, sono comunque favorevole sia all'entità della spesa deliberata che ai fornitori scelti dall'assemblea. Ciò che vorrei invece contestare è il criterio di riparto che, in luogo dei millesimi generali, è stato scelto dall'assemblea quello in parti uguali (all'unanimità escluso me, unico assente).
Al riguardo, vorrei precisare che:
•    non esiste alcun regolamento condominiale (né assembleare, tanto meno di tipo contrattuale) ;
•    nel verbale (peraltro un po' approssimativo) non risulta verbalizzata la scelta di tale criterio, ma la stessa si deduce indirettamente dal "piano di riparto in parti uguali" che viene menzionato nel suddetto verbale come approvato dall'assemblea (e allegato al verbale trasmesso per raccomandata). Confrontando il riparto in parti uguali con quello in millesimi emerge il paradosso che meno millesimi si possiede e più si contribuisce alla spesa (oltre a me pagano quote maggiori altri 7 condomini su 11) , in palese contrasto con quello che è il principio cardine della proporzionalità ex art. 1123 del c.c. che prescrive il riparto delle spese delle parti comuni secondo il valore della proprietà, ad eccezione dei casi che qui non sembrano ricorrere.

Tutto ciò premesso, è mia intenzione impugnare la delibera assembleare limitatamente al punto dell'o.d.g. relativo all'approvazione di tale riparto. Al riguardo si chiede un parere sulla fondatezza delle suddette pretese prima di intraprendere qualsiasi azione nei termini (30 gg. dalla notifica del verbale avvenuta in data 20/12/2016).



RISPOSTA



Le tue argomentazioni sono giuridicamente fondate, in quanto in assenza di un regolamento condominiale di qualsiasi natura giuridica, si applica l'articolo 1123 del codice civile.

Art. 1123 del codice civile. Ripartizione delle spese.

Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione.
Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne.
Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condòmini che ne trae utilità.

Ai sensi dell'articolo 1138 IV comma del codice civile, l'articolo 1123 del codice civile può essere derogato soltanto da un regolamento condominiale e non da una delibera assembleare per alzata di mano.

“Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli articoli 1118, secondo comma 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137”.

Poiché non c'è alcun regolamento condominiale, il criterio sarà quello delle tabelle millesimali.
Ora … può darsi che gli interventi riguardino parti comuni dell'edificio destinate a servire i condomini in misura diversa; in tal caso le relative spese saranno ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne.
In ogni caso, la norma di riferimento sarà il predetto articolo del codice civile e tale norma non prevede la ripartizione in quote eguali, in nessun caso !

Confermo il termine di 30 giorni, per procedere con ricorso al tribunale civile.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

 

Articoli correlati

Spese rifacimento vespaio condominiale

Spese rifacimento vespaio condominiale Buon giorno, sottopongo il seguente quesito. Mi occorre un parere legale, suffragato da riferimenti giurisprudenziali e sentenza relativo alla seguente...

Illegittima attribuzione del posto auto condominiale

Illegittima attribuzione del posto auto condominiale Ci troviamo in un’area Super Condominiale che ha quindi al suo interno diverse proprietà distinte di diversa natura, sia commerciale/industriale che...