L’installazione dell'ascensore deve essere approvata in assemblea con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti





Io abito in un appartamento al piano terra rialzato di un palazzo di dieci appartamenti, con sei proprietari tra cui io.
Il mio appartamento è circondato da una grande terrazza che lo circonda per l'intero perimetro, nella parte posteriore del mio terrazzo c è un vecchio bottino abbandonato e fatiscente che serviva per raccogliere l'acqua e poi pomparla ai serbatoi anticamente quando non c'era il collegamento diretto ai serbatoi con i contatori individuali. Mio nonno che lo realizzò quando nel 50 costruì il palazzo accanto a detto bottino fece anche una porticina piccolissima che dal portone accedeva al bottino così gli operai potevano passare li, sempre con il nostro permesso però' perché era mia madre che aveva la chiave. Sia del bottino che della porticina non si parla negli atti notarili di acquisto della casa da parte mia per assegnazione di mia madre.
Ad oggi tutti e due i manufatti sono abbandonati e rovinati la porta è chiusa e non saprei nemmeno dove è finita la chiave sono tutti e due abbandonati da oltre 25 anni io ero una ragazzina allora. Mia madre è deceduta da più di 10 anni. Ad oggi a nessuno interessava niente , poi 3 proprietari tra cui uno è un legale hanno convinto gli altri proprietari a mettere nella mia terrazza di proprietà esclusiva un ascensore .Io mi sono opposto perché ciò mi recherebbe un danno notevole perché l'ascensore sarebbe posizionato davanti alla finestra del salone della mia casa a circa un metro togliendo valore all'appartamento e anche luce e aria alla stanza , l'ascensore sarebbe posizionato vicino o sopra questo bottino e con delle passerelle aeree passando sulla mia terrazza raggiungerebbe i vani delle finestre del portone distanti circa 2 metri , un vero orrore estetico e funzionale.
Non è stata presa in considerazione nessuna altra possibilità dove metterlo per evitare a me un danno notevole. Vorrei sapere se possono in qualche modo costringermi a dare loro il permesso, quale è la normativa, perché alle mie proteste mi hanno fatto capire tra le righe che lo possono mettere anche se io mi oppongo ma senza dirlo chiaramente e io vorrei sapere come devo muovermi per difendere la proprietà anche a costo di ricorrere al giudice se necessario , finora abbiamo fatto tutto in amicizia infatti nel nostro condominio non c'è un amministratore né i millesimi, le cifre per le piccole spese per le utenze le ho sempre raccolte io e mio marito e per le riparazioni abbiamo diviso fra tutti, ad oggi invece vogliono mettere sia l'amministratore che fare i millesimi al fine poi di mettere l'ascensore nella mia proprietà come detto. La riunione fatta è solo orale non c'è il verbale, alla prossima vorrei avere le idee più chiare su come agire per difendere i miei diritti e la mia proprietà che subirebbe un danno davvero notevole, potete aiutarmi con un parere legale. Per precisione aggiungo che nel palazzo abitano anche due persone anziane con lieve difficoltà nel camminare si appoggiano ad una stampella ma nel complesso camminano escono e non hanno grossi problemi.
Spero tanto che possiate aiutarmi, in attesa della vostra risposta, vi invio i miei saluti e resto in attesa del vostro preventivo. Grazie

 

RISPOSTA



A seguito della recente riforma del condominio, l'installazione dell'ascensore deve essere approvata in assemblea con la maggioranza di cui all'articolo 1136 II comma del codice civile.
Il legislatore infatti ha previsto un abbassamento del quorum necessario nelle delibere sulle innovazioni dirette all’eliminazione delle barriere architettoniche: il riformato art. 1120 ultimo comma del codice civile stabilisce che per le relative delibere assembleari è sufficiente la maggioranza di cui all’art. 1136 comma II del codice civile e cioè sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.

“Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio”.

Quand'anche ci fosse questa maggioranza, l'installazione dell'ascensore non è consentita laddove comporti alterazione del decoro architettonico e pregiudizio all’uso e godimento delle parti comuni. E' quanto previsto dall'articolo 1120 ultimo comma del codice civile.

“Sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino”.

Se l'assemblea approverà l'installazione dell'ascensore, con la maggioranza di cui all'articolo 1136 II comma del codice civile, presenterai atto di citazione al tribunale civile. A seguito del tuo ricorso, il giudice valuterà se l’installazione di un ascensore, nel tuo caso, costituisce innovazione vietata in quanto idonea a recare pregiudizio alla stabilità o sicurezza del fabbricato, ovvero tale da alterarne il decoro architettonico o da rendere talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.
Se le cose stanno come mi hai scritto … la decisione del giudice è piuttosto scontata !!!
Le persone anziane non sono disabili … sono semplicemente anziane, quindi la loro presenza non modifica il contenuto sostanziale della presente consulenza.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Spostamento centrale termica condominiale sul tetto

Spostamento centrale termica condominiale sul tetto Oggetto: sostituzione centrale termica Il nostro condominio è composto di 80 condomini, dotato di Regolamento di Condominio Contrattuale. Le caldaie...