Consulenze del lavoro - Riunioni della contrattazione integrativa e partecipazione del personale



 

In un Ente dell´A. M. si verifica una situazione di contrasto tra i lavoratori e una sigla sindacale. I lavoratori vorrebbero assistere, quali meri uditori e senza diritto di intervento, alle sedute del tavolo della contrattazione (invitati oltretutto dalla RSU locale) ma una delle sigle sindacali e´ contraria e ha fatto allontanare il lavoratore dalla stanza in cui si teneva la contrattazione. Uno o più lavoratori dipendenti di un Ente statale hanno diritto di assistere, in qualità di meri uditori e senza diritto di intervento, a una seduta di contrattazione integrativa dell´Ente? Grazie

 

RISPOSTA



Secondo il CCNQ del 7 Agosto 1998 ed il vigente CCNL di comparto, le trattative relative alla contrattazione integrativa, si svolgono con la presenza esclusiva delle delegazioni trattanti di parte pubblica e di parte sindacale e, per quest'ultima, nelle persone dei dirigenti sindacali accreditati dalle organizzazioni sindacali, rappresentative e firmatarie del CCNL che si sta applicando, e della RSU.
I dipendenti dell'amministrazione non hanno diritto di assistere alle riunioni della contrattazione collettiva, in quanto l'ascolto o la visione delle trattattive sindacali non è previsto dalla normativa di settore.
Per informare tutti i dipendenti sull'andamento delle trattative, inoltre, la RSU e le organizzazioni sindacali rappresentative possono utilizzare il diritto di assemblea ovvero altre forme di comunicazione.
In sintesi, non è possibile, su richiesta sindacale, rendere accessibile al personale, le riunioni della contrattazione integrativa ovvero effettuare la trasmissione audio video degli incontri.
Cordiali saluti.