Responsabilità CSE cantiere edile





Buongiorno, sono CSE di un cantiere edile per rifacimento facciate e coperture. Una mattina di tre settimane fa l'Impresa ha cominciato a smontare parti del ponteggio per portarle altrove. Dopo tre settimane e due Verbali di Sopralluogo con verifica negativa, il cantiere non è ancora agibile. Nel frattempo gli addetti continuano ad utilizzare il ponteggio, proseguendo con le lavorazioni in modo "normale" …
Chiaramente tutto fa parte di comunicazioni continue all'Impresa.
Data la responsabilità di tutti i soggetti in gioco, ho consigliato all'Amministratore di imporre un blocco definitivo del cantiere e denunciare il tutto all'ASL. Mi è stato detto che dal momento in cui l'amministratore non ha sospeso i lavori sono io che devo comunicare, con la massima sollecitudine, l'inadempimento dell'impresa all'ASL e alla Direzione Provinciale del Lavoro competenti territorialmente. Mi è stato consigliato anche di dimettermi e trasmettere la raccomandata, all'ASL , alla DPL,  al committente alla impresa esecutrice dei lavori e all'UTC.
Vorrei sapere se questo può essere l'atteggiamento giusto nei confronti di un impresa negligente e priva non solo della cultura della sicurezza, ma anche priva di buon senso per non incorrere in gravi conseguenze.



RISPOSTA



Sicuramente sì; si tratta di un atteggiamento non soltanto opportuno, ma anche coerente con il ruolo del CSE di un cantiere edile e con le correlate responsabilità civili e soprattutto penali !!!
Non mi dilungherò sul ruolo e sui compiti del CSE che lei già conosce.
In base all'articolo 89, comma 1, lettera f ) del testo unico, il CSE è "il soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui dell'art. 92, che non può essere il datore di lavoro delle imprese affidatarie ed esecutrici o un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) da lui designato."

Il controllore della sicurezza in cantiere, dinanzi a tali negligenze dell'impresa, peraltro dimostrate documentalmente a mezzo fotografie, non può fare altro che comunicare con raccomandata a/r, l'inadempimento dell'impresa all'ASL ed alla Direzione Provinciale del Lavoro competenti territorialmente. La comunicazione deve essere anticipata via fax o via PEC, già oggi pomeriggio !!!

Occorre non indugiare ed inviare la comunicazione immediatamente, per ovvi motivi …

Quando si ha l'abitudine di “scalare” i ponteggi, come in montagna, prima o poi …

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.