Pagamento in contanti canone di locazione, obbligo di emettere ricevuta di pagamento all'inquilino





Si tratta di una locazione con finalità turistiche di cui alla legge 431/1998. Non ho l'obbligo di avere partita IVA.
Le volevo sottoporre un dubbio: all'atto della stipula del contratto, nel  momento in cui viene effettuato il pagamento da parte del conduttore-turista,  sono sempre obbligato a rilasciare la ricevuta di pagamento oppure soltanto a  richiesta del conduttore? E va bene il modello semplice di ricevuta con la  marca da bollo di  euro 1,81?
Grazie.



RISPOSTA



Nel tuo caso, tu non hai aperto partita Iva, non sussistendo il relativo obbligo. Per quanto concerne gli aspetti fiscali del tuo contratto, il canone percepito costituisce reddito da dichiarare ai fini IRPEF nella dichiarazione dei redditi, a prescindere dall'emissione della ricevuta di pagamento.

1)In caso di bonifico, versamento c/c postale, o altro tipo di pagamento a mezzo posta o banca, non si emette la Ricevuta, se non a richiesta del conduttore. In questo caso infatti, l'emissione della ricevuta di pagamento non è obbligatoria (salvo richiesta del conduttore).

2)In caso di pagamento in contanti, occorre emettere sempre la ricevuta, con la marca da bollo da 1,81 euro. L'onere della marca da bollo è a carico dell'inquilino. Va bene il modello semplice di ricevuta con la marca da bollo, indicato nella tua mail.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.