Inquilino non rispetta termine di preavviso di sei mesi per recesso unilaterale del contratto





Buongiorno avvocato, sono proprietaria di un appartamento che ho affittato un anno fa con regolare contratto di 4 anni. Gli inquilini mi hanno mandato la disdetta con raccomandata A/R il 5 NOVEMBRE 2012 per lasciare l'alloggio il 5 di APRILE 2013 (il contratto prevede sei mesi di preavviso invece di 5). Siccome si sono sbagliati vorrei sapere se posso pretendere che liberino l'appartamento entro il 5 di APRILE 2013 come da loro richiesta, oppure se devo far riferimento al contratto che prevede sei mesi dalla data dell'invio della disdetta. In attesa di una Sua risposta porgo cordiali saluti.



RISPOSTA



La scelta spetta esclusivamente al proprietario.

Il proprietario potrebbe pretendere che l'inquilino restituisca le chiavi dell'appartamento, esattamente nella data indicata nella lettera di disdetta, così come potrebbe pretendere dall'inquilino, il rispetto del termine di preavviso di sei mesi (quindi la restituzione delle chiavi in data 5 MAGGIO 2013).

La clausola dei sei mesi di preavviso è prevista a tutela del proprietario ! Se l'inquilino dovesse decidere di dare un preavviso inferiore al semestre, il proprietario potrebbe comunque accettare l'inferiore tempo di preavviso, pretendendo che l'immobile sia lasciato esattamente nella data indicata nella lettera di recesso a firma del conduttore.

Il termine di sei mesi non è previsto da una norma imperativa di legge … ma soltanto da una clausola del contratto di locazione; quindi la scelta finale spetta al proprietario e mi pare di capire che pretenderai la restituzione delle chiavi, nella data indicata nella lettera di recesso. Hai assolutamente diritto di farlo !

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.