3 Consulenze:

1 - Garanzia legale auto usate acquistate con problemi meccanici





Sono entrato sul sito guida consulenza legale per trovare una soluzione al mio problema,chiedo gentilmente a voi se mi poteva aiutare a chiarire il caso,lunedi sono andato da un rivenditore auto usate,ho visto una macchina audi A 3, 2001, 300000 km, 2200 euro il prezzo,il venditore mi ha rassicurato che la macchina e perfetta,non ha nessun problema e cosi via,mi ha detto che li fa una verifica generale e che li fa il cambio olio,sono andato ieri a ritirarla e fare la voltura,provandola non mi entravano le marce come dovrebbero,io lo fatto notare anche a lui e mi ha detto non ti preoccupare che tanto per qualsiasi problema noi siamo qui e la macchina va al 100%,vado dal mio meccanico di fiducia e mi ha dato una lunga lista di problemi e difetti e pezzi rotti dalla macchina,lui ha detto di portare la macchina lunedi che la porta in officina a vedere se quesi problemi esistono,adesso io guardavo su internet e vedevo della garanzia legale obbligatoria,questo venditore ha l obbligo di ripararmi la macchina ? oppure posso anche ridarla indietro se lui si rifiuta di ripararla? devo andare via legale come specifico nel art 129? la ringrazio



RISPOSTA



Poiché hai acquistato un auto usata da un rivenditore professionale, hai diritto alla garanzia legale per mesi 24, ai sensi dell'articolo 129 del codice del consumo.
In cosa consiste tale garanzia legale ? E' sufficiente leggere l'articolo 129 del codice del consumo.

1. Il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita.

2. Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze:
a) sono idonei all'uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;
b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualita' del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;
c) presentano la qualita' e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore puo' ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicita' o sull'etichettatura;
d) sono altresi' idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti.

Premesso che il venditore ti aveva assicurato dicendoti che

-l'audi era in discrete condizioni, tenuto conto dei km percorsi e degli anni già passati dall'immatricolazione.

-l'auto era idonea all'uso

-quand'anche l'auto avesse avuto bisogno di un ricambio di pezzi, il venditore non ha fatto alcun cenno a tale circostanza, anzi ha taciuto tale necessità all'acquirente, in assoluta mala fede !

Il compratore deve inviare una raccomandata a/r al venditore indicando i pezzi da sostituire, il costo dell'operazione, il codice IBAN su cui effettuare il rimborso, il termine di 30 gg entro cui effettuare il bonifico. Il tutto ai sensi dell'articolo 129 del codice del consumo.
Il venditore è libero di comunicare al compratore che il contratto di vendita è risolto, quindi l'acquirente può sentirsi libero di ridare l'auto al concessionario (ovviamente riprendendosi il corrispettivo della vendita).

E' altrettanto ovvio che hai diritto di citare in giudizio, con atto di citazione al giudice di pace, il venditore, per chiedere il rimborso delle spese di riparazione ovvero in subordine, la risoluzione del contratto di vendita. Innanzitutto procedi con la raccomandata di diffida, per comunicare ufficialmente il preventivo relativo alle riparazioni.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.



2 - Garanzia auto usata acquistata dal concessionario copre tutti i danni conseguenti ai vizi dell'auto, presenti al momento dell'acquisto





Buongiorno, il 29/07/2017 ho acquistato un auto usata di quasi 9 anni, ritirata il 4/08/2017 al momento della prova mi accorsi di un rumorino nel vano motore lo fatto presente al venditore (concessionaria) e lui si è giustificato cosi (essendo una xxxxxxxxx dopo i richiami hanno tutte questa tic tic tic da fredda ma non è niente di grave) mi sono fidato, mi ha detto che al massimo ho la garanzia che copre tutto al 100%, ho fatto circa 8000 km col caldo non si notava tanto, adesso che cominciamo con temperature basse il problema si fa sentire sempre di più fino che in data 25/09/2017 la mattina metto in moto metto la prima appena sale di giri si spegne e non partiva più, ho chiamato il mio meccanico l'ha caricata e la portata in officina dopo la sua diagnosi mi ha detto che si tratta di bloccaggio iniettori e probabilmente anche la pompa alta pressione. quando ha saputo che ho la garanzia mi ha detto di chiamare loro, in data 26/09/2017 ho chiamato la garanzia per sapere la procedura di riparazione in garanzia, mi hanno chiesto dove si trova il mezzo che bisogna portarlo da un meccanico convenzionato ok ci siamo messi d'accordo che venivano a caricarla il giorno dopo il 27/09/2017 alle 8.30, il carro attrezzi dopo tanti solleciti è arrivato alle 11.00, ho chiesto del ritardo e uno incolpava l'altro, arriviamo dal meccanico, ha detto giustamente appena ha tempo la guarda, ci ha risposto il giorno dopo dicendo che ha fatto la diagnosi e risulta lo stesso problema elencato dal mio meccanico, fa il preventivo e lo manda alla garanzia. mi sentivo col meccanico tutte le sere per sapere se ha avuto esito e lui controlla e mi diceva no, fino al lunedì 2/10/2017 mi ha comunicato che hanno risposto, dicendo che possono coprire solo la pompa e non gli iniettori essendo una conseguenza, e che mi avrebbero dato una mano a trovare i pezzi di ricambio a prezzi convenienti, la garanzia diceva che ha risposto al meccanico il giorno 29/09/2017 mentre il meccanico mi diceva tutti i giorni che li ha sentiti ma e li veniva detto ripetutamente (adesso ti la mandiamo) e anche li una serie di scarica barile.

Detto ciò, in data 03/10/2017 ho mandato una lettera di richiesta riparazione in garanzia sia al venditore che la garanzia. in data 9/10/2017 mi comunicano il costo da loro agevolato degli iniettori costo 1200 iva compresa con 300 partecipazione del garante quindi devo sborsare 900 iva compresa più la mano d' opera io voglio sapere se questa differenza devo pagarla io e se posso porre querela contro il venditore e contro la garanzia adesso sono 17 gg senza mezzo illuminatemi grazie

RISPOSTA



Una premessa logica prima ancora che giuridica: se la garanzia sussiste … copre tutti i danni dovuti ai vizi dell'auto, presenti al momento dell'acquisto.
… e per tutti i danni, intendo l'intero ammontare del danno al 100%.
Se poi si sostiene che al momento dell'acquisto dell'auto usata, era presente soltanto un vizio alla pompa, quindi gli iniettori sono stati danneggiati dall'incuria del conducente … vorrà dire che la garanzia coprirà soltanto il danno relativo alla sostituzione della pompa.

Tanto premesso e considerato, quale logicità dietro una risposta del tipo “la pompa è in garanzia, mentre gli iniettori sono in garanzia soltanto in minima parte” ?
NESSUNA LOGICITA' GIURIDICA.

L'ammissione del concessionario consistente nel comunicare la sua partecipazione alla spesa degli iniettori, sia pure parzialmente (300 euro su 1200 euro), in concreto, equivale a dire che gli iniettori erano ROTTI al momento della vendita !

Concordi con me ? il mio discorso è prettamente logico !

A mio parere, avresti titolo per citare in giudizio dinanzi al giudice di pace, il concessionario garante, allegando all'atto di citazione, la loro ammissione di colpevolezza (ossia avere dichiarato di voler risarcire gli iniettori … ma soltanto in parte, non si sa bene per quale motivo).

Mi chiedi una consulenza dal taglio molto concreto, quindi ti rispondo che se la comunicazione di partecipazione alla spesa degli iniettori, per euro 300, è stata fatta per iscritto, anche a mezzo email, sei in possesso del documento idoneo per citare il concessionario dinanzi al giudice di pace, al fine di far valere la garanzia biennale del codice del consumo.
Se la garanzia copre gli iniettori, la copertura è necessariamente al 100% … come giustificare una copertura parziale ? Impossibile da giustificare da un punto di vista logico, prima ancora che giuridico ! Nessuna limitazione può essere imposta alla garanzia in quanto essa costituisce diritto irrinunciabile.

Normativa di riferimento, articoli 128 e seguenti del codice del consumo-Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206:

Codice del Consumo Parte IV – Sicurezza e qualità

In particolare l'articolo 132 commi 1 e 2:

ARTICOLO N.132 Termini
1. Il venditore e’ responsabile, a norma dell’articolo 130, quando il difetto di conformita’ si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene.
2. Il consumatore decade dai diritti previsti dall’articolo 130, comma 2, se non denuncia al venditore il difetto di conformita’ entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non e’ necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del difetto o lo ha occultato.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.



3 - Garanzia auto usata non copre sostituzione dei pezzi che sarebbero stati sostituiti in base al piano di manutenzione





Buongiorno, vi scrivo questa mail per capire se posso risolvere un problema che mi e' capitato nell'acquistare un'auto usata, xxxxxxxx del 2009 ) dal valore pagato di 2500 euro. Subito erano evidenti dei problemi al servosterzo che il rivenditore mi ha prontamente sistemato gratuitamente , dicendomi piu' volte che lui risponde del veicolo. Abito a P. D. (Mi) e recandomi a Sondrio (a 130 km dal luogo di residenza ) in visita a mia madre , ho notato che l'auto ha accusato problemi di stabilita' anche in caso di frenata. Facendola poi vedere a un meccanico autorizzato xxxxx arrivato a destinazione , ha riscontrato che tutti e quattro gli ammortizzatori erano fuori uso con una cuffia dello sterzo usurata con perdita d'olio , con evidenti problemi di sicurezza nell'uso della vettura . Anche per poter rientrare a casa , decido di farla riparare (50 euro di fattura ) e mi chiedevo se posso rivalermi sul venditore per il rimborso della stessa (totale o parziale ) e se si , (nel caso di una sua opposizione , visto che da un primo contatto non si e' dimostrato molto collaborativo) come posso agire per il recupero. Grazie. Cordiali saluti

 

RISPOSTA



Mi sembra di capire, leggendo il tuo quesito, che si tratta di un'auto usata, acquistata da un concessionario e non da un privato. Tale particolare è di fondamentale importanza, ai fini della garanzia attivabile in caso di vizi occulti del veicolo.

La durata della garanzia prevista per legge dal codice del consumo, è pari a 2 anni dall'acquisto. Contrattualmente, il concessionario potrebbe limitare la garanzia ad un periodo comunque non inferiore ad un anno. Nei primi sei mesi dall'acquisto, l'onere della prova ricade interamente sul concessionario; cosa significa in concreto? tocca al venditore provare che il difetto non rientra nella garanzia biennale prevista dal codice del consumo.

… ed ecco allora il punto focale della presente consulenza.
Quali difetti rientrano nella garanzia biennale e quali invece no?

Facciamo un esempio.
Prendiamo il libretto di manutenzione dell'auto che hai acquistato.
Nel libretto è scritto ad esempio che la cuffia dello sterzo deve essere cambiata ogni 200.000 KM. Hai acquistato l'auto usata, indicante sul contakilometri 199.900 KM al momento dell'acquisto. Hai percorso altri 130 Km per raggiungere Sondrio … ed ecco che è sorta la fisiologica esigenza di cambiare la cuffia dello sterzo!

In questo caso, la garanzia del codice del consumo, non è attivabile, giacché è lo stesso libretto di manutenzione della auto xxxxxxx che prevede la sostituzione del pezzo, in ragione dei Km percorsi dall'auto usata. Stesso discorso per gli ammortizzatori!

Altro spunto di riflessione: se la xxxxxxx usata è ormai a “fine vita”, ad esempio ha già percorso 250.000 Km … è evidente che tu hai sostituito un pezzo vecchio, quanto l'auto acquistata per soli 2500 euro, con un pezzo nuovo di zecca!
Cosa voglio significare?
Se un pezzo vecchio viene sostituito con un pezzo nuovo, a seconda dell' “anzianità” del mezzo, il maggior valore del pezzo non può essere richiesto al concessionario-venditore. Se la xxxxxxx ha percorso 250.000 Km, per il pezzo nuovo che hai acquistato di tasca tua, non potrai richiedere il rimborso dell'intera somma di 650 euro, ma appena la metà!

La garanzia legale biennale è prevista dall'articolo 132 del codice del consumo, decreto legislativo 206 del 2005:

Art. 132. Termini

1. Il venditore è responsabile, a norma dell'articolo 130, quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene.
2. Il consumatore decade dai diritti previsti dall'articolo 130, comma 2, se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del difetto o lo ha occultato.
3. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità.
4. L'azione diretta a far valere i difetti non dolosamente occultati dal venditore sì prescrive, in ogni caso, nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene; il consumatore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, può tuttavia far valere sempre i diritti di cui all'articolo 130, comma 2, purché' il difetto di conformità sia stato denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza del termine di cui al periodo precedente.


Tanto premesso, hai firmato un contratto di vendita ?
E' possibile visionarlo ? Cerchiamo di capire se hai diritto al rimborso integrale della somma spesa di 650 euro oppure ad un rimborso parziale.
Ti ricordo infatti che ai sensi dell'articolo 129 del codice del consumo, decreto legislativo 206 del 2005 “il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita” … quindi prima di concludere la presente consulenza, dobbiamo visionare il contratto e la garanzia legale contenuta nello stesso.

Come agire in caso di mancata collaborazione del venditore ?
Con atto di citazione al giudice di pace del luogo ove il contratto è stato stipulato.
A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati