Maturazione diritto alla provvigione dell'agente stabilito contrattualmente





La nostra società ha come attività quella di agente di commercio; nel contratto, alla voce Liquidazione delle provvigioni, è scritto:

"Le provvigioni verranno liquidate mensilmente , dietro presentazione di regolare fattura. Le provvigioni maturano sempre ad incasso avvenuto del totale dell'ordine e saranno liquidate entro il giorno 12 del mese successivo alla data in cui sono pervenuti gli incassi!"

Ora a parte il fatto che le provvigioni maturano sul fatturato e non sulla base degli ordini, accade per esempio che un cliente Statunitense paga in Dollari anche se fatture sono in Euro e vi può essere una piccola differenza sul cambio ( esempio lo 0,2%) quindi la fattura viene considerata non saldata e non viene pagata la provvigione che è del 3%!

E' legale questo?

Cordiali saluti

 

RISPOSTA



L'articolo 1748 IV comma del codice civile prevede quanto segue:

“Salvo che sia diversamente pattuito, la provvigione spetta all'agente dal momento e nella misura in cui il preponente ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione in base al contratto concluso con il terzo. La provvigione spetta all'agente, al più tardi, inderogabilmente dal momento e nella misura in cui il terzo ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione qualora il preponente avesse eseguito la prestazione a suo carico”.


In sintesi:

-la provvigione spetta all'agente dal momento e nella misura in cui il preponente ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione in base al contratto concluso con il terzo.

-preponente ed agente possono pattuire contrattualmente un momento differente di maturazione del diritto alla provvigione, differente dalla esecuzione della prestazione contrattuale da parte del preponente.

-preponente ed agente possono contrattualmente differire il momento di maturazione della provvigione ma c'è una dead line: il momento in cui il testo esegue la sua prestazione, ossia il momento in cui il terzo paga il corrispettivo al preponente.

Tanto premesso, mi chiedi se è legale pattuire convenzionalmente una clausola per cui “le provvigioni maturano sempre ad incasso avvenuto del totale dell'ordine”: sì, è perfettamente legale in quanto previsto dall'articolo 1748 IV comma del codice civile.

Non è legale invece omettere di pagare la provvigione, poiché la fattura emessa con riferimento alla moneta euro, è stata pagata in dollari, con fisiologica differenza sul cambio. La provvigione deve essere ugualmente liquidata, giacché il rischio della differenza sul cambio non può essere posta a carico dell'agente, senza alcuna norma di legge che preveda tutto ciò!

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Aspettativa per docenza durante il periodo di prova

Aspettativa per docenza durante il periodo di prova Gentili Signori, ho un incarico presso una Università come docente a contratto, secondo l'art. 23 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240. L'incarico...