Atto di transazione con una colf che ha lavorato in nero per cancellare un debito con un amico





Gentile avvocato, una mia amica, in favore della quale in passato avevo prestato del denaro, si è offerta di aiutarmi nelle faccende domestiche fino alla “cancellazione del debito.
Ha praticamente fatto la colf per sdebitarsi con me, ma adesso mi ha minacciato di denuncia all'ispettorato del lavoro, non avendo il sottoscritto, versato i contributi.
Senza dilungarmi, alla fine mi sono messo d'accordo con lei.
Verserò in suo favore un assegno di euro xxxx e la colf metterà per iscritto che non ha nulla a che pretendere nei miei confronti.
Potrebbe prepararmi un fac simile di atto di transazione da far firmare alla colf?
Grazie mille.

RISPOSTA



ATTO DI TRANSAZIONE AI SENSI DELL'ARTICOLO 1965 DEL CODICE CIVILE
Premesso

-che ai sensi dell'articolo 1965 I comma del codice civile, la transazione è il contratto col quale le parti, facendosi reciproche concessioni, pongono fine a una lite già incominciata o prevengono una lite che può sorgere tra loro

-che la signora Tizia, dal mese di __________ al mese di _____________, ha aiutato nella faccende domestiche il sig. Caio, a puro titolo di amicizia, senza alcun vincolo di subordinazione, senza alcun obbligo coercitivo, senza alcuna forma ufficiale e giuridica di collaborazione e senza orari di lavoro prestabiliti contrattualmente

-che in considerazione dell'assenza di alcun vincolo di subordinazione, la signora Tizia non ha mai sottoscritto alcun contratto di lavoro domestico, né il sig. Caio si è attivato in tal senso dal punto di vista previdenziale e contributivo

Tuttavia, adesso che la signora Tizia, per motivi strettamente personali, non è più disponibile ad aiutare Caio nelle faccende domestiche, sussiste il rischio concreto che il rapporto di collaborazione nei termini di cui ai periodi precedenti, possa essere considerato, in modo fuorviante, un rapporto di lavoro domestico a tutti gli effetti giuridici.

Al fine di dirimere qualsiasi controversia nascente dalla collaborazione tra Tizia e Caio, a titolo transattivo, ai sensi dell'articolo 1965 I comma del codice civile, le parti

convengono quanto segue:

a)il sig. Caio si impegna a versare, contestualmente alla firma del presente atto, un assegno circolare dell'importo di euro XXXXXXXXX, a favore di Tizia, senza che tale versamento di denaro possa in qualche modo essere considerato un'implicita ammissione di colpevolezza o di sussistenza di un lavoro domestico

b)la signora Tizia accetta la somma di euro XXXXXXXXX, a titolo transattivo, e dichiara di non avere più nulla a che pretendere dal sig. Caio, in quanto lo ha aiutato, fino ad ora, senza alcun vincolo di subordinazione, senza alcun obbligo coercitivo, senza alcuna forma ufficiale e giuridica di collaborazione e senza orari di lavoro prestabiliti.

A seguito della firma del presente atto di transazione, le parti considerano definitivamente chiusa la presente vertenza.

LUOGO DATA FIRMA

Fonti:

 

Articoli correlati

Atto di citazione nullo interrompe la prescrizione

Atto di citazione nullo interrompe la prescrizione Mio padre ha ricevuto una causa di lavoro nel 2006 da un suo dipendente. La causa si è interrotta nel 2012 per la morte di mio padre. E' stata...