Contratti e donazioni - Contratto di locazione dell'immobile e vendita dell'appartamento



 

Mi rivolgo a voi sperando possiate darmi un chiarimento circa un problema che ho con il proprietario della casa in cui sono in affitto.
Dal 01/02/2004, con regolare contratto d´affitto 4+4, abito in una casa che e´ di proprieta´ di una persona ritenuta incapace di intendere e di volere il cui tutore legale e´ il fratello , che ha sottoscritto il contratto d´affitto in oggetto.
Ora per problemi economici, il tutore legale ha riscattato presso il comune, in quanto trattasi di alloggio costruito in convenzione con il comune, l´abitazione, nel senso che la proprietaria resta sempre la sorella ma lui ha ottenuto una delibera per vendere la casa, il giudice che segue la vicenda ha stabilito un prezzo di vendita.
Ora la questione e´ questa, il tutore ha deciso per problemi economici di vendere la casa, verbalmente ci ha comunicato il tutto e sempre verbalmente ci ha detto il prezzo stabilito dal giudice. Mi e´ stato poi chiesto di firmare un foglio in bianco in cui rinunciavo all´acquisto della casa, foglio che ovviamente mi sono rifiutata di firmare. Fino ad oggi non ci e´ stata inviata nessuna disdetta, solo che ai probabili acquirenti , questa persona dice che la casa sara´ libera nel giro di pochi mesi in quanto avendo lui necessita´ di vendere per problemi economici puo´ non rispettare il contratto d´affitto che scadrebbe fra due anni.
Ora mi chiedo se cio´ e´ possibile, se effettivamente lui puo´ inviare, dopo la vendita, la disdetta ed esigere lo sgombero dei locali o se comunque deve rispettare la scadenza del contratto, e se eventualmente puo´ vendere la casa ma i nuovi proprietari sono comunque obbligati a rispettare il nostro contratto d´affitto. Tenga presente che ho due figli piccoli e che in una conversazione telefonica questa persona mi ha minacciato dicendo che con il mio rifiuto a firmare quel foglio in bianco in cui rinunciavo al diritto di prelazione, mi mettevo contro un minore ( la sorella, proprietaria ma incapace).

Spero mi possiate almeno indicativamente dare qualche suggerimento su come dovrei comporarmi, certi della vostra disponibilita´ ringrazio fin d´ora per l´attenzione.
Cordiali saluti

 

RISPOSTA



Regola numero uno nelle trattative contrattuali: non firmare mai un foglio in bianco !!!
Regola numero due: diffidare delle persone che ricorrono ad ingiurie e minacce, per convincere la controparte contrattuale ad accettare una proposta !!!

I nuovi proprietari dell'immobile dovranno comunque rispettare la naturale scadenza del contratto di locazione, in quanto aventi causa del locatore.
E' irrilevante la circostanza per cui il proprietario dell'immobile è incapace di intendere e di volere ovvero è una persona minorenne, in stato di bisogno; il contratto di locazione deve essere rispettato ed il conduttore non può essere sfrattato "sic et simpliciter" dai nuovi proprietari, né dal tutore dell'incapace.

Ai sensi dell'articolo 1602 del codice civile, il terzo acquirente dell'immobile, concesso in locazione, è tenuto a rispettare il contratto di locazione e subentra, dal giorno del suo acquisto, nei diritti e nelle obbligazioni derivanti dal contratto di locazione.
Il rapporto obbligatorio di locazione quindi, non è sciolto a seguito della vendita dell'immobile. Ai sensi dell'articolo 1603 del codice civile, il locatore e il conduttore possono prevedere, con il contratto di locazione, una clausola di scioglimento del contratto stesso, in caso di alienazione dell'immobile locato.
Nel tuo caso, la suddetta clausola non è stata inserita nel relativo contratto di locazione quindi, il locatore/tutore, con l'inganno, vuole convincerti a firmare un foglio in bianco, per riempirlo successivamente alla tua firma, con la suddetta clausola di sciglimento del contratto.

Il tutore è semplicemente un truffatore; non dare credito alle sue richieste, non ha titolo giuridico per mandarti via dall'appartamento, se dovesse continuare a minacciarti, denuncialo alla Polizia giudiziaria per ingiurie e minacce.
Il contratto di locazione stipulato sarà comunque valido ed efficace fino alla sua naturale scadenza.
Cordiali saluti.