Recintare e chiudere il fondo di proprietà con un cancello e servitù di passaggio del vicino





Gentilissimo avvocato,
il mio confinante per accedere a una depandance sulla sua proprietà ha una servitù di passaggio che insiste su un mappale di mia proprietà (anche se nei miei documenti di acquisto non ve ne è alcuna traccia). Ho intenzione di recintare e chiudere con un cancello tutto il mio mappale lasciando al vicino la chiave per permettergli di esercitare il passaggio. Il vicino non ne vuole sapere e sostiene che se lo farò intenterà causa perché così facendo rendo incomodo il passaggio. Secondo Lei quali sono le probabilità di vittoria in sede giudiziaria? Quali i tempi e i costi complessivi della causa? Che cosa potrei fare per avviare il procedimento io stesso? Siccome il progetto per il cancello è già stato approvato in comune posso eventualmente costruire i muri di cinta ed i pilastri lasciando libero il passaggio senza mettere il cancello?

Allego un disegno per meglio spiegare la situazione.
In attesa di un cortese riscontro porgo cordiali saluti.



RISPOSTA



Le probabilità di vittoria del tuo vicino sono pari allo zero per cento.

Ai sensi dell'articolo 841 del codice civile, il proprietario può chiudere in qualunque tempo il suo fondo. Sussiste un diritto soggettivo alla recinzione del tuo mappale, per motivi di sicurezza relativi alla tua proprietà ed alla tua persona.

Rendere incomoda una servitù, significa spostare il diritto di passaggio in altro luogo, più difficile da percorrere … non utilizzare una chiave per aprire il cancello !!! A mio parere, il tuo vicino farà fatica a trovare un avvocato difensore con una faccia tosta tale da dire al giudice che il passaggio è incomodo, a causa del fastidio arrecato dall'uso della chiave!!! Qualsiasi avvocato difensore farà presente al tuo vicino che le sue idee sono semplicemente folli !!!
Inoltre, la recinzione del mappale di tua proprietà, è stata già autorizzata dalla competente autorità comunale.

I tempi della causa non ti interessano perché tu intanto realizzerai la recinzione e nessuno ha diritto di bloccarti in modo coattivo. Si tratta di un processo piuttosto breve, visto che il tuo vicino non ha nessuna possibilità di vittoria.
I costi non ti interessano perché il vicino sarà condannato al pagamento di tutte le spese processuali (anche delle spese sostenute dalla convenuta ovviamente … ).

Tu non devi avviare nessun procedimento; tu hai diritto di realizzare la recinzione e di installare il cancello. Il tuo vicino si rifiuta di prendere le chiavi del cancello ?! Gliele spedirai con un pacco postale !!!

Perché non dovresti mettere il cancello ?! A cosa servirebbe una recinzione senza un cancello ?! Hai diritto alla chiusura del tuo fondo. Il Comune ha già autorizzato l'opera. Manderai le chiavi al tuo vicino, con una pacco postale.

Il tuo vicino non ti farà mai causa per una vicenda del genere. Qualsiasi giudice scoppierebbe a ridere dinanzi ad una sciocchezza simile !!! Qualsiasi avvocato si vergognerebbe di difenderlo con tali argomentazioni. L'utilizzo di una chiave renderebbe incomoda una servitù … suvvia !!! Al massimo la recinzione renderebbe più sicura anche la sua dependance !!! Dovresti essere tu a chiedere al vicino di partecipare “pro quota” alle spese per la realizzazione della recinzione !!! Anche il tuo vicino trae un vantaggio dalla recinzione medesima !!!

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.