Fac simile di richiesta di ispezione dei locali oggetto di locazione





Buongiorno avvocato il 3 aprile scorso il conduttore di un immobile da noi affittato ad uso commerciale ci ha comunicato la disdetta del contratto di affitto.
Vorrei quindi sapere il suo parere sulla miglior condotta da seguire in previsione della riconsegna dei locali, tenendo conto che fra noi e il conduttore non ci sono buoni rapporti da tempo ma anche come fare per valutare i danni arrecati sicuramente all'immobile dal conduttore visto che da noi fu consegnato in buone condizioni di manutenzione come risulta dal contratto.
Le chiedo anche se devo rispondere alla disdetta del conduttore.
In allegato le invio copia del contratto e della disdetta.
Cordiali saluti

RISPOSTA



Ai sensi del punto 14 del contratto di locazione, il proprietario ha diritto, in qualunque momento, di ispezionare o far ispezionare i locali affittati.

Si tratta di una clausola contrattuale da inserire, a tutela dei diritti del proprietario, in ogni contratto di locazione commerciale oppure ad uso abitativo ! E' facile intuire l'importanza della predetta clausola, nel momento in cui il conduttore dovesse comunicare il preavviso di recesso dal contratto, ai sensi dell'art.27, comma 7, legge 392/78:
“E' in facoltà delle parti consentire contrattualmente che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto dandone avviso al locatore, mediante lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione. Indipendentemente dalle previsioni contrattuali il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto con preavviso di almeno sei mesi da comunicarsi con lettera raccomandata”.

Ecco in sintesi cosa rispondere alla lettera di preavviso di recesso del conduttore:

OGGETTO: RICHIESTA DI ISPEZIONE LOCALI OGGETTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE

Premesso che il contratto di locazione ad uso commerciale, stipulato in data xx/xx/xxxx e registrato in data xx/xx/xxxx, prevede la seguenti clausole contrattuali:

1) “Il conduttore dichiara di avere esaminato i locali affittati e di averli trovati adatti al proprio uso, in buono stato di manutenzione, esenti da difetti e si obbliga a riconsegnarli alla fine della locazione nello stesso stato in cui li ha ricevuti”.

2) “Sono a carico del conduttore le riparazioni di ordinaria manutenzione e quelle conseguenti a danni provocati da sua colpa nell’uso ed espressamente le riparazioni relative agli impianti igienico sanitari, idrico, elettrico, del riscaldamento, di condizionamento dell’aria, alle serrature e chiavi, alla superficie dei muri e dei soffitti, agli infissi, alle piastrelle di pavimentazione e di rivestimento di pertinenza del locale, come da articolo 1576 del codice civile”.

3) “Il locatore potrà in qualunque momento ispezionare o far ispezionare i locali affittati”.

Tanto premesso e considerato, avendo Ella comunicato il preavviso di recesso per il giorno xx/xx/xxxx, si comunica che in data antecedente al recesso, il giorno xx/xx/xxxx, si procederà ad ispezionare lo stato di manutenzione del locale e dei relativi impianti, al fine di rilevare eventuali danni o difetti sopravvenuti rispetto al momento della consegna dell'immobile al conduttore.

Distinti saluti.

LUOGO DATA FIRMA DEL LOCATORE

In caso di controversia, il tribunale civile competente è quello di Arezzo.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Il tempo tuta deve essere retribuito

Il tempo tuta deve essere retribuito Sono un istruttore di nuoto che lavora con un contratto di collaborazione presso una piscina. In seguito ad un cambio gestione è stato chiuso lo spogliatoio...