Nella rappresentazione, la successione ereditaria opera per stirpi e non per capi.





Mia madre, vedova, è deceduta senza testamento. I chiamati all'eredità sono i 3 figli A,B e C. Il figlio A era però premorto, lasciando a sua volta due figli X e Y. Preciso che X e Y, a suo tempo, avevano rinunziato all'eredità del padre A. Sono a conoscenza del fatto che X e Y sono chiamati a succedere per rappresentazione al posto del padre A. Ora succede che X ha rinunciato all'eredità della nonna.
Domanda: la quota cui X ha rinunciato va ad aumentare la proporzionalmente la parte di tutti gli altri eredi (B,C e Y) o solo quella del fratello Y?



RISPOSTA



Ai sensi dell'articolo 469 del codice civile, nella rappresentazione, la successione opera per stirpi e non per capi.
Cosa significa successione per stirpi e non per capi ?!
Tizio muore e lascia come successori i due figli, Primo e Secondo, i quali a loro volta hanno due figli ciascuno. Se Primo e Secondo rinunziano all’eredità, l’eredità di Tizio verrà devoluta per rappresentazione a favore dei quattro nipoti. Se anche uno dei figli di Primo rinunzia all’eredità, la sua quota si accresce solo a favore dell’altro figlio di Primo e non anche a favore dei due figli di Secondo, come invece avverrebbe se i quattro nipoti succedessero per capi e non per stirpi

Art. 469 del codice civile. Estensione del diritto di rappresentazione. Divisione.

La rappresentazione ha luogo in infinito, siano uguali o disuguali il grado dei discendenti e il loro numero in ciascuna stirpe.
La rappresentazione ha luogo anche nel caso di unicità di stirpe.
Quando vi è rappresentazione, la divisione si fa per stirpi.
Se uno stipite ha prodotto più rami, la suddivisione avviene per stirpi anche in ciascun ramo, e per capi tra i membri del medesimo ramo.

Tanto premesso, la quota cui X ha rinunciato va ad accrescere soltanto la quota del fratello Y.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.