Lavori di ammodernamento eseguiti a spese della figlia sull'immobile della madre





Ho una sorella ed entrambi i genitori in vita, mia madre si è offerta essendo proprietaria di una casa grande di farmi abitare assieme la mia ragazza il piano superiore e lei con mio padre il piano inferiore. La casa ha bisogno di lavori di ammodernamento che pagherò io perché la maggior parte sono al piano primo, e anche perché vengono fatti per adattarla a mio gusto. Ora la domanda, in caso venga a mancare mia mamma,unica proprietaria,i lavori da me pagati come potranno essere considerati?



RISPOSTA



Un tuo credito nei confronti della proprietaria, quindi essendo morta la mamma, un credito verso l'asse ereditario.
Consiglio di far riconoscere il debito alla mamma, con dichiarazione scritta, con cui prende atto dei lavori che hanno ammodernato il suo immobile, fatti a spese del figlio.



L'eredità verrà divisa 50 e 50 con mia sorella compreso l'aumento della valutazione di ammodernamento perdendo io quindi i soldi che ho speso?



RISPOSTA



Prima della divisione 50% e 50%, in qualità di creditore dell'asse ereditario, farai valere il tuo credito pari al valore delle spese sostenute.



Oppure io fornendo le fatture dei lavori potró dimostrare in sede di perizia i lavori pagati da me e quindi da escludere dalla valutazione per l'eredità?



RISPOSTA



Ovviamente sì, sarebbe il caso di produrre anche la scrittura privata a firma della mamma, con cui la stessa prende atto dei lavori e del debito nei tuoi confronti.



O deve fare una carta da un notaio adesso a fine lavori mia mamma dove dichiara le spese da me fatte?



RISPOSTA



Vuoi farla con atto pubblico notarile ??? Tanto meglio. E' più che sufficiente una scrittura privata.



O comunque in che modo sarebbe meglio muoversi per tutelare in qualche modo il mio investimento su una casa non di mia proprietà? Grazie in anticipo cordiali saluti



RISPOSTA



Con un riconoscimento di debito, con scrittura privata, firmato da tua madre, ai sensi dell'articolo 1988 del codice civile

La signora riconosce di essere debitore nei confronti di ________ per la somma di euro ______,__  (somma in lettere) e si obbliga a restituire il detto importo entro il __/__/____, con gli eventuali interessi di mora dovuti, nella misura del tasso d’interesse legale in vigore.
Il debito è sorto in ragione del lavoro svolti ____________, come da fattura numero ________ e numero ___________.
Luogo e data
Firma

Cordiali saluti.