Notifica cartella esattoriale equitalia cittadino iscritto AIRE residente all'estero





Buongiorno, sono un cittadino italiano residente all'estero (Mosca Russia) dal 2011 regolarmente iscritto all'AIRE. Ho saputo che Equitalia ha inviato a fine maggio 2014 a mio nome una raccomandata presso il mio vecchio indirizzo di residenza italiano, raccomandata che ovviamente non è stata accettata. Immagino si tratti di una cartella di pagamento, mi chiedo come mai l'abbiano inviata ad un indirizzo sbagliato visto che il mio indirizzo è registrato presso l'anagrafe comunale.



RISPOSTA



Trattasi di errore umano oppure di mancato aggiornamento della banca dati di Equitalia che attinge le notizie anagrafiche, dalle banche dati dei comuni.

Ad oggi non so ancora nulla, chiamare Equitalia per telefono non è consentito, hanno un numero verde valido solo in italia e il numero utilizzabile da cellulare è gestito da voci automatiche, quindi è impossibile parlare con un operatore. Così ho scritto una email dalla loro pagina dei contatti, spiegando la situazione e inviando in allegato come richiesto da loro una richiesta scritta, firmata con tutti i miei dati anagrafici e copia dei documenti di riconoscimento compreso codice fiscale. Ho ricevuto la seguente risposta: Gentile Contribuente, La informiamo della presa in carico della Sua richiesta, cui è stato assegnato il numero di pratica indicato in oggetto. Desideriamo rassicurarLa che, sarà nostra cura contattarLa, non appena saremo in possesso delle informazioni richieste. Eventuali successive segnalazioni, potranno essere effettuate agli operatori del nostro Numero Verde, cui vorrà gentilmente riferire il numero di pratica assegnatoLe. Cordiali saluti. Tutto questo è avvenuto l'11 settembre 2014, ad oggi non ho avuto altre comunicazioni, ho provato a inviare una nuova email alla quale non c'è stata risposta. Cosa dovrei fare? attendere che inviino la raccomandata qui in Slovacchia? Forse un mese di attesa è poco considerando la velocità della burocrazia italiana ? Grazie Distinti Saluti



RISPOSTA



Esatto, un mese di attesa, per la burocrazia italiana, è davvero troppo poco. Ti invito ad attendere quanto meno la fine dell'anno in corso per avere un riscontro.

Tanto premesso, non hai nulla da temere visto che le notifiche degli avvisi di pagamento di un cittadino italiano iscritto all'AIRE, devono essere poste in essere ai sensi della norma seguente del codice di procedura civile (invio/consegna della raccomandata nell'attuale paese straniero di residenza).

Art. 142 c.p.c. Notificazione a persona non residente, ne' dimorante, ne' domiciliata nella Repubblica

Salvo quanto disposto nel secondo comma, se il destinatario non ha residenza, dimora o domicilio nello Stato e non vi ha eletto domicilio o costituito un procuratore a norma dell'art. 77, l'atto e' notificato mediante spedizione al destinatario per mezzo della posta con raccomandata e mediante consegna di altra copia al Ministero degli affari esteri per la consegna alla persona alla quale e' diretta.

Una cartella esattoriale, così come un avviso di pagamento sono atti recettizi: sono atti che producono effetto dal momento in cui pervengono a conoscenza della persona alla quale sono destinati (articolo 1334 del codice civile), nei modi previsti dalla normativa in materia di notifica.
Non essendoci stata una notifica dell'atto ai sensi dell'articolo 142 c.p.c., l'avviso di pagamento non esplica i tuoi effetti, né decorrono i termini per il pagamento o per il ricorso al giudice competente.
Resta pazientemente in attesa di un riscontro.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.