Risarcimento danni - Danno da vacanza rovinata. Responsabilità dell'albergatore per punture insetti e parassiti.





buon giorno, sono la titolare di un affittacamere
oggi ho ricevuto lettera da uno studio legale, dove dei clienti che sono stti da me il 27/settembre per 2 notti, mi richiedono un risarcimento perchè dicono di essere stati punti da insetti e parassiti di varia specie e queste punture gli hanno causato una reazione allergica reazione orticarioide diagnosi effettuata al pronto soccorso della loro città di provenienza, l'avvocato dice poichè sussiste la nostra esclusiva responsabilità, per l'evento dannoso occorso, ci invita a provvedere al risarcimento dei danni morali, e di quelli di lesioni personali, e per vacanza rovinata,al rimborso del costo del soggiorno,e al pagamento delle spese e competenze legali.
io chiedo la vostra consulenza, io ho già anche effettuato la completa disinfestazione dell'intera struttura in via preventiva, e il fidanzato della signora e la signora non avevano riportato nessun danno, e il mattino che mi è stata comunicata la cosa io non gli ho fatto nemmeno pagare il conto, proprio credendo alla buona fede anche se loro non riportavano segni e nella camera non ho trovato nessun insetto
premetto che la mia struttura è circondata da un bosco
grazie



RISPOSTA



Vedi qual è il problema … hai creduto una prima volta alla loro “balla”, non facendogli pagare il conto, senza che gli stessi avessero riportato alcun segno delle punture ricevute, e quindi adesso vogliono approfittarsi della tua buona fede !!!

Succede sempre così … mi dispiace dirlo ma gli unici parassiti presenti nella stanza della tua struttura, lo scorso 27 settembre, erano proprio i tuoi clienti. Questa specie di parassita vive speculando sulle persone in buona fede, confondendo la cortesia con la stupidità.

Il mio consiglio pertanto è di non rispondere nemmeno alla lettera dello studio legale, per i seguenti motivi.

Ipotizziamo che i tuoi clienti decidano di citarti dinanzi al giudice di pace competente per territorio (il giudice di pace della tua città), chiedendo i danni per la vacanza rovinata. Sia chiaro, non accadrà mai ...

Ecco i punti della tua difesa per smontare letteralmente le loro accuse.

A)come potrebbero dimostrare al giudice di pace di essere stati punti dagli insetti, mentre erano ospiti della tua struttura ??? Potrebbero essere stati punti prima di trascorrere la notte nella struttura ovvero dopo, durante una passeggiata nel bosco; in fondo se fossero stati punti mentre erano nella struttura, si sarebbero rivolti al pronto soccorso di A. non a quello del loro paese. Non c'è la prova che la puntura dell'insetto è avvenuta proprio nella tua struttura. Per condannare una persona, civilmente o penalmente, occorrono le prove non gli indizi o le chiacchiere … nel dubbio, si assolve e non si condanna l'imputato.

B)quando ci si reca in una struttura all'interno di un bosco, è necessario cospargersi quanto meno di Autan, prima di andare a dormire. Se un cliente è talmente idiota da tenere le finestre aperte e la luce accesa, senza prendere le dovute precauzioni, non può prendersela con l'albergatore se durante la notte successiva, viene mangiato vivo dalle zanzare !!!

C)quanti altri ospiti nel mese di settembre si sono lamentati per questi parassiti ed hanno chiesto il risarcimento della vacanza rovinata !!?? Sarebbe sufficiente questo particolare per scagionarti completamente da ogni ipotesi di colpa.

D)se non hanno pagato il conto non hanno nemmeno la ricevuta del pagamento quindi non hanno le prove di avere trascorso la notte nella tua struttura. Come potrebbero dimostrare al giudice di essere stati nella tua struttura, senza avere in mano nemmeno una fattura/ricevuta di pagamento ???

Come vedi questi signori ci stanno a provare: gli è andata bene la prima volta perché non hanno pagato il conto, quindi ci provano anche una seconda volta.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.