Responsabilità della società Autostrade per i danni cagionati da oggetti vacanti lasciati incustoditi sul fondo stradale.





Buonasera, come risulta dalla documentazione allegata, in data 5  novembre 2011, mentre stavamo viaggiando nel tratto autostradale  Padova/Bologna, un oggetto metallico pesante, che stava rimbalzando,  ha urtato il paraurti della nostra auto producendo danni   rilevanti. Su indicazione della società Autostrade abbiamo provveduto  ad effettuare denuncia e ad inviare (in data 27/12/11 - ricevuta in  data 30/12) la necessaria documentazione per ottenere, ove previsto,  il risarcimento dei danni. Trascorsi oltre 3 mesi senza alcun cenno  di risposta abbiamo contattato telefonicamente l'uff. Sinistri che  ci ha informati della non ammissibilità della richiesta in quanto  loro ritengono di non dover rispondere dei danni provocati da  eventuali oggetti vacanti sul fondo stradale.Nell'occasione hanno  anche preannunciato l'invio di una risposta scritta in tal senso.Ciò  premesso siamo a richiedere un vostro parere in merito alla   ammissibilità della risposta fornita dalla società Autostrade e alla  possibilità di ricorrere contro la stessa.Restiamo in attesa del  vostro parere e porgiamo cordiali saluti.



RISPOSTA



La società concessionaria di autostrada, secondo la giurisprudenza della Corte di Cassazione, risponde sia contrattualmente che ai sensi dell’art. 2051 del codice civile, dei danni riportati per sinistri causati da anomalie immanenti o sopravvenute, incidenti sulla normale percorribilità dell’autostrada stessa, fatta salva la prova a suo carico rispettivamente della non imputabilità delle stesse e della sussistenza del caso fortuito (dando, ad esempio, la dimostrazione che l’immissione di un animale sulla carreggiata autostradale sia dovuta all’abbandono dello stesso in una piazzola dell’autostrada ovvero al taglio vandalico della rete di recinzione ovvero al suo abbattimento da precedente incidente, eventi cui non è evidentemente possibile rimediare con un intervento di cattura dell’animale e/o di segnalazione di pericolo tempestivi laddove verificatesi poco prima del sinistro).
Per giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione quindi, la società Autostrade è responsabile, ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile, per i danni cagionati da oggetti vacanti lasciati incustoditi sul fondo stradale, salvo non riesca a dimostrare il caso fortuito, ossia l'impossibilità di evitare, con una diligenza media ed ordinaria, la presenza dell'insidia medesima sul manto stradale.
A titoli di esempio, possiamo citare la sentenza della Corte di Cassazione del 29 marzo 2007, n. 7763 e del 20 febbraio 2006, n. 3651.

La Cassazione afferma in sostanza quanto segue.


“Ai proprietari o concessionari, delle autostrade previste dall’art. 2 del vecchio e del nuovo codice della strada (D.P.R. 15 giugno 1959, n. 393; d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285), in considerazione della possibilità di svolgere un’adeguata attività di vigilanza, che sia in grado di impedire l’insorgere di cause di pericolo per gli utenti, in linea generale, è applicabile l’art. 2051 cod.civ., in riferimento alle situazioni di pericolo immanentemente connesse alla struttura o alle pertinenze dell’autostrada, essendo peraltro configurabile il caso fortuito in relazione a quelle provocate dagli stessi utenti, ovvero da una repentina e non specificamente prevedibile alterazione dello stato della cosa che, nonostante l’attività di controllo e la diligenza impiegata allo scopo di garantire un intervento tempestivo, non possa essere rimossa o segnalata, per difetto del tempo strettamente necessario a provvedere”.

Art. 2051 del codice civile. Danno cagionato da cosa in custodia

Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.

Tanto premesso, la società Autostrade deve dimostrare il caso fortuito, ossia l'impossibilità di evitare la presenza dell'insidia sul manto stradale … e ti posso assicurare che non è assolutamente semplice, superare l'onere della prova, previsto dall'articolo 2051 del codice civile.

Consiglio di citare in giudizio, dinanzi al tribunale civile, la società Autostrade.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.