Obbligo di mantenimento dei nipoti a carico dei nonni





Salve, io e il mio compagno siamo in procinto di separarci. Abbiamo un bimbo di 10mesi pertanto dobbiamo metterci d'accordo per l'affidamento che ovviamente sarà condiviso.
Per quanto riguarda il mantenimento invece, dato che il mio compagno non lavora per sua libera scelta, in quanto di "buona" famiglia, si può pretendere niente? magari ai nonni? Grazie



RISPOSTA



Dal contenuto della tua domanda, posso immaginare che tu abbia già un'infarinatura dell'argomento giuridico. Immagino che tu sia al corrente di quanto previsto dall'articolo 316 bis del codice penale che così dispone: “I genitori devono adempiere i loro obblighi nei confronti dei figli in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo. Quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli altri ascendenti, in ordine di prossimità, sono tenuti a fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli”.

Così come tu sia al corrente di quanto previsto dalla giurisprudenza consolidata della Corte di Cassazione, sentenza n. 20509 del 30 settembre 2010: “ l'obbligo di mantenere i propri figli ai sensi dell'art. 147 del codice civile, grava sui genitori in senso primario ed integrale, sicché qualora l'uno dei due genitori non voglia o non possa adempiere, l'altro deve farvi fronte con tutte le sue risorse patrimoniali e reddituali e deve sfruttare la sua capacità di lavoro, salva comunque la possibilità di agire contro l'inadempiente per ottenere un contributo proporzionale alle sue condizioni economiche. Solo in via sussidiaria, dunque succedanea, si concretizza l'obbligo degli ascendenti di fornire ai genitori i mezzi necessari per adempiere ai loro doveri nei confronti dei figli previsto dall'art. 148 c.c., che comunque trova ingresso, non già perché uno dei due genitori sia rimasto inadempiente al proprio obbligo, ma se ed in quanto, l'altro genitore non abbia mezzi per provvedervi”.

Tanto premesso nel caso “de quo”, uno dei due genitori ha i necessari mezzi di sostentamento per se stesso e per i suoi figli, quindi non sussistono i presupposti per il sorgere dell'obbligo di mantenimento dei nipoti a carico dei nonni.
Premesso che il padre non ha una fonte di reddito, poiché per sua scelta non ha mai lavorato, chiedo se lo stesso ha un suo patrimonio immobiliare o mobiliare: possiede immobili a se intestati magari donati dai suoi genitori, possiede depositi bancari, titoli azionari. Al fine di quantificare l'assegno di mantenimento a favore dei figli ed il sorgere del relativo obbligo, non occorre semplicemente considerare le fonti di reddito di un genitore, ma anche il suo patrimonio mobiliare ed immobiliare, ulteriore potenziale fonte di reddito.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.