Circostanze sopravvenute rispetto alla sentenza di divorzio, modifica assegno mantenimento





Buon pomeriggio gradirei un duplice parere sono divorziato da 3 anni con 1 figlio di 10 anni per il quale corrispondo l'assegno di mantenimento mensile vorrei sapere: 1) se è possibile ridurre l'importo di tale assegno ( che ritengo spropositato ), e cosa comporta cio' in termini di presentazione documenti, giustificazioni etc da parte mia



RISPOSTA



Sono assolutamente necessarie delle circostanze sopravvenute rispetto alla sentenza di divorzio.
Esempi a vario titolo

Sei stato licenziato da tuo datore di lavoro e sei in mobilità o in cassa integrazione. Hai iniziato una convivenza stabile con la tua attuale partner ed hai avuto figli di secondo letto.
Ti è stata diagnosticata una malattia che necessità di costose cure a pagamento. Ti sei trasferito per motivi di lavoro dal paesello a Milano dove il costo della vita è praticamente il doppio !!!

Insomma, ci devono essere fatti sopravvenuti rispetto all'esatto momento in cui è stata emessa la sentenza di divorzio.
Quale documentazione produrre in giudizio ??? Dipende dalla circostanza … una lettera di licenziamento, un certificato medico, un certificato di nascita …
Non è sufficiente affermare che l'importo dell'assegno è esagerato … occorrono fatti sopravvenuti.



Se è possibile non pagare l'adeguamento Istat che corrispondo regolarmente sulla base del semplice fatto che la busta paga che ricevo NON include nessun adeguamento Istat a mio favore ( che esiste solo per i trattamenti pensionistici come noto ) Grazie



RISPOSTA



No, al 99%. Sarebbe il caso che in Parlamento si facesse una legge a tal proposito … è un'ingiustizia legalizzata !!!
Per confermare al 100% la risposta negativa, devo leggere la sentenza di divorzio. Cancella i dati sensibili (se ritieni di farlo) ed invia la sentenza con una mail. Dipende dalle esatte parole utilizzate dal giudice.
Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.