Pagamento lavoro straordinario infermiere orario plurisettimanale, carenza personale in reparto





Buongiorno sono un infermiera dipendente a tempo pieno e indeterminato presso l'ASL di Foggia. Vi scrivo per avere un chiarimento.
La nostra dirigente infermieristica ha esposto il turno mensile di agosto e i turni esposti prevedono 20 ore in più di lavoro. Infatti il mese di agosto prevederebbe che io lavori 150 ore invece da turno ne ho 171. Tale problematica nasce dal fatto che ci sono colleghi che hanno richiesto ferie e che l'organico in servizio presso il reparto non è sufficiente a coprire le assenze.
Il problema è stato posto ai dirigenti infermieristici senza nessuna risoluzione. Nessuna menzione alla possibilità di essere retribuiti per le ore in più perché non considerato evento eccezionale, tanto meno nessuna possibilità di personale in più perché sempre a detta loro non disponibile. Le ore vanno a finire in un monte ore che non è possibile recuperare e nemmeno è dato sapere se mai verrano liquidate. Non le possiamo recuperare perché sempre a detta dei nostri dirigenti prima di poter fare recupero ore è necessario terminare le ferie. Nel mio caso ho ad oggi ancora 23 giorni di ferie 2023 che per necessità di reparto non potrò utilizzare. La problematica è generale su tutto il reparto però proprio per il grosso muro che ci troviamo difronte con dirigenti che sembrano non voler capire mi necessita sapere se si può fare qualcosa a livello legale.
Attendo una risposta.
Grazie, cordiali saluti

RISPOSTA

A mio parere, non potendovi rifiutare di effettuare queste ore di lavoro straordinario, dovete svolgerle regolarmente e, successivamente, rivolgervi ad un avvocato per chiedere il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario svolte, ai sensi dell'articolo 47 del CCNL, applicabile agli infermieri.

Art. 47 CCNL Comparto sanità - Lavoro straordinario
1. Le prestazioni di lavoro straordinario sono rivolte a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali e, pertanto, non possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del lavoro e devono rispondere ad effettive esigenze di servizio. Le parti si incontrano con periodicità quadrimestrale per valutare le condizioni che ne hanno resa necessaria l’effettuazione. 2. La prestazione di lavoro straordinario è espressamente autorizzata dal dirigente o dal responsabile sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dalle Aziende ed Enti, rimanendo esclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione fatta eccezione per quei casi di urgenza in cui, a garanzia dei livelli di assistenza, non sia possibile l’autorizzazione preventiva ed esplicita del dirigente o del responsabile.


Se è vero che lo straordinario serve per fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali, è anche vero che il dipendente ha diritto di vedere retribuito il suo lavoro, in modo proporzionale, ai sensi dell'articolo 36 della Costituzione: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge”. La Costituzione è la principale fonte del diritto del nostro ordinamento giuridico!
La governance aziendale avrebbe dovuto effettuare maggiori assunzioni anche a tempo determinato; non avendole programmate, la soluzione non potrebbe essere costringere i dipendenti a lavorare gratis!

Ricordo che il contratto collettivo all'articolo 43 comma 3 lettera c), prevede l'orario plurisettimanale:

c) orario di lavoro articolato, al di fuori della lettera b), con il ricorso alla programmazione di calendari di lavoro plurisettimanali ed annuali con orari inferiori alle 36 ore settimanali. In tal caso, nel rispetto del monte ore annuale, potranno essere previsti periodi con orari di lavoro settimanale, fino ad un minimo di 28 ore e, corrispettivamente, periodi fino a quattro mesi all’anno, con orario di lavoro settimanale fino ad un massimo di 44 ore settimanali;

Potrebbe essere una soluzione per i periodi di maggiore richiesta di ferie, da parte dei dipendenti. Ripeto: il dipendente che svolge prestazioni straordinarie, ha diritto al pagamento dello straordinario.
Se non ci sono esigenze eccezionali a fondamento del lavoro staordinario, è soltanto perché c'è stata una pessima programmazione del piano delle assunzioni … ma questo è un problema della governance aziendale, non del lavoratore dipendente...

Vi invito a procedere con ricorso al tribunale del lavoro, per chiedere il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario che qualcuno vorrebbe imporvi gratuitamente …

A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti:

Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?

legaleconsulenza.it pubblica migliaia di consulenze legali e articoli di approfondimento

cerca