Assunzione navigator obblighi del beneficiario del reddito di cittadinanza





Egregio avvocato, sono interessato a fare il navigator. Sono disoccupato, ho già chiesto il reddito di cittadinanza, ma vorrei lavorare essendo neolaureato; sarebbe opportuno per me infatti, arricchire il mio CV!! Quali novità, in merito al concorso da navigator?

Ho fatto richiesta di reddito di cittadinanza? Quali adempimenti a mio carico, successivamente al riconoscimento del diritto al reddito di cittadinanza?

Nel mio nucleo familiare appunto è presente un solo componente maggiorenne non occupato né impegnato a seguire un regolare corso di studi o formazione. Tale componente è in possesso dei seguenti requisiti:

a) disoccupato da non più di due anni;
b) terminato la fruizione di Naspi per la disoccupazione involontaria da sei mesi;
c) non hai mai sottoscritto un “patto personalizzato per il lavoro” ai fini REI.

 

RISPOSTA



Successivamente alla conversione del decreto 4/2019 nella legge 26/2019, c'è stato un accordo Governo-Regioni sull'assunzione ed utilizzo dei navigator. I navigator assunti dall'Anpal (Ente nazionale delle politiche attive del lavoro) saranno 3.000 e saranno utilizzati presso i vari Centri per l’impiego, assieme ad altri 4.000 neo assunti di competenza regionale.

Il lavoro del navigator consisterà nell'indirizzare i disoccupati, beneficiari del Reddito di cittadinanza, ad inserirsi nel mondo del lavoro. I navigator, sia nazionali che regionali, diverranno operativi più o meno a fine anno 2019.

Passiamo all'esame degli obblighi in capo ai beneficiari del reddito di cittadinanza. Attualmente, una volta ottenuto il riconoscimento del diritto al reddito di cittadinanza, il nucleo familiare del richiedente sarà seguito dai centri per l’impiego oppure dai servizi sociali nei casi in cui sia necessario attivare iniziative e misure finalizzate al superamento della condizione di povertà dovuta all'inoccupazione.

Il richiedente, entro 30 giorni dal riconoscimento del Rdc, è tenuto a dichiarare la disponibilità, presso il centro per l’impiego (tramite Caf o Patronati), all’immediata occupazione (DID). L’obbligo non è previsto per i minorenni ed i soggetti di oltre 65 anni di età, i disabili, coloro che sono già occupati o che frequentano un regolare corso di studi o di formazione e gli assistenti un familiare disabile.
Il richiedente verrà convocato dai centri per l’impiego, con gli altri componenti maggiorenni del nucleo familiare, per la stipula del «Patto per il lavoro», che avrà le stesse caratteristiche del «Patto di servizio», previsto dalla precedente legge sul REI (Reddito di Inclusione).

Quali obblighi per il richiedente ai fini del reddito di cittadinanza?

a)Obbligo di registrarsi sulla piattaforma informatica dell’Anpal (l’ente nazionale per le politiche attive del lavoro)

b)Obbligo di consultare quotidianamente la piattaforma informatica e di attivarsi alla ricerca del lavoro.

c)Obbligo di accettare le offerte congrue (sono quelle di almeno 858 euro al mese nell’ambito di 250 km nei primi 18 mesi di godimento dell’assegno). Una volta che saranno trascorsi i primi 18 mesi debbono essere accettate proposte di lavoro in tutta Italia.

d)Obbligo di dare la propria disponibilità ai comuni di residenza per un certo numero di ore settimanali per lavori di pubblica utilità

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.


Modello di domanda per Reddito di Cittadinanza - Modello Esteso

Modello di domanda per Reddito di Cittadinanza - Modello Ridotto

Modello di domanda per Pensione di Cittadinanza

 

Fonti:

 

Articoli correlati