Rimborso risoluzione impossibilità sopravvenuta contratto di locazione casa vacanze per Coronavirus





Salve,
Un cliente vuole cancellare una prenotazione del mio appartamento (8-15 aprile) per via del Coronavirus minacciando azioni legali.
Vorrei avere un parere certo su un mio obbligo o meno di rimborsare il cliente, tenuto conto che non sono un professionista, affitto un unico appartamento come privato sul sito HomeAway.
HomeAway mi dice che se il cliente mi fa causa, potrei dover pagare multe in base al Codice Civile o del Consumo (ma non è un'attività commerciale)
Non mi risulta che devo rimborsare, ma nel caso fossi tenuto a farlo, è necessario che la prenotazione cada in un periodo particolare (divieto di uscita, blocco voli ecc.)?
L'8 aprile non sono attualmente previste restrizioni alla circolazione a mia conoscenza.
Per favore mi fornisca le fonti giuridiche a supporto della risposta
Grazie

PS. La mia domanda concerne i miei eventuali obblighi e cosa posso fare per evitare un rimborso: se devo rimborsare, offrire un voucher per un soggiorno equivalente o non ho alcun obbligo particolare. Secondo la politica di cancellazione del mio annuncio, non sono tenuto ad alcun rimborso per cancellazioni così tardive.
Grazie

 

RISPOSTA

 

Non si applica il codice del consumo, non trattandosi di un'attività commerciale e non essendo tu un operatore economico dotato di partita Iva. Sei semplicemente una persona fisica, proprietario di una casa vacanze.
Si applica il codice civile, in particolare le norme relative alla risoluzione per impossibilità sopravvenuta.
Ai sensi dell'articolo 1463 del codice civile, “nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell'indebito”.
Non solo, ai sensi dell'articolo 1256 del codice civile, l'obbligazione si estingue quando, per causa non imputabile al debitore, la prestazione diviene impossibile.

Tanto premesso, allo stato dei fatti, la prestazione è oggettivamente impossibile?
Sono previsti particolari divieti in ragione dei quali il conduttore non potrebbe occupare il tuo appartamento nel periodo pasquale?
Certamente no!
Confermo quello che hai scritto: relativamente al prossimo 8 aprile non sono attualmente previste restrizioni alla circolazione, né da parte della Presidenza del consiglio dei ministri, né con provvedimento dei presidenti delle Regioni.
Nel momento in cui, per esempio, con DPCM si dovesse prevedere un divieto alla circolazione anche nella settimana pasquale, provvederai al rimborso di quanto versato, a richiesta del cliente. Al momento, non sei tenuto a rimborsare nulla, né devi temere azioni legali da parte del conduttore.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Rimborso per cancellazione volo internazionale

Rimborso per cancellazione volo internazionale Buon giorno mi chiamo xxxxxxxx e mi rivolgo al vostro studio per una eventuale consulenza sul tema rimborsi delle compagnie aeree in caso di disguidi nei...