Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?

RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Chi può ottenere l'invalidità civile e quali benefici comporta requisiti e presupposti





Gentile avvocato, chi può ottenere l'invalidità civile e quali benefici comporta? Qual è la differenza tra assegno mensile per l'invalidità civile, la pensione di inabilità e l'indennità di accompagnamento? Come chiedere l'invalidità ed in che modo impugnare il verbale sanitario?
Grazie.
Resto in attesa di riscontro.

RISPOSTA

Il riconoscimento dell'invalidità civile prescinde dai requisiti contributivi che servono invece per la pensione di inabilità da lavoro o per l'assegno ordinario di invalidità civile.
Per chiedere ed ottenere l'invalidità civile, è necessario che il medico di base trasmetta all’INPS il certificato medico introduttivo, mentre l’interessato dovrà inviare la richiesta di accertamento sanitario presso la Commissione medico-legale della ASL.

Chi può ottenere l'invalidità civile? Chi non può ottenere l'invalidità civile?
la persona affetta da una minorazione di tipo fisico, psichico o sensoriale, con una riduzione permanente della propria capacità lavorativa (almeno del 33%) gli invalidi per cause di lavoro o di guerra
il minorenne con difficoltà persistenti a svolgere i compiti o le funzioni tipiche della propria età gli invalidi per cause di servizio
le persone over 65 anni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti o le funzioni tipiche della propria età le persone cieche o sorde, che godono di benefici diversi rispetto a quelli della invalidità civile.

 

Vantaggi invalidità civile Trattamenti economici invalidità civile
ottenere prestazioni protesiche e ortopediche La pensione di inabilità
iscrizione nelle liste speciali per il collocamento mirato, l’esenzione dal ticket l’indennità di accompagnamento
l’esenzione dal ticket l’indennità di frequenza
l’assegno mensile per l'invalidità civile l’assegno sociale

 

Assegno mensile per l'invalidità civile
al momento della presentazione della domanda, deve essere già maggiorenne, ma non ancora in età pensionabile
deve inoltre avere un grado di invalidità non inferiore al 74%
il reddito da lavoro deve essere inferiore al limite stabilito annualmente dalla legge: per l'anno 2023, euro 386,27 mensili, se non si superano i limiti reddituali di 9.102,34 euro per il beneficiario non coniugato e 15.644,85 euro per quello coniugato (cumulati con il coniuge).
assenza di attività lavorativa
l’assegno mensile per invalidità civile viene pagato per 13 mensilità
Incompatibile con pensioni dirette di invalidità erogate dall'Assicurazione Generale Obbligatoria per i casi di vecchiaia, o di superstiti di lavoratori dipendenti deceduti Incompatibile con prestazioni dirette, a seguito di diverse tipologie di invalidità, contratte ad esempio per cause di lavoro, di guerra o di servizio

 

Pensione di inabilità prevista dalla legge n. 222 del 12 giugno 1984 articolo 2
al momento della presentazione della domanda, il richiedente ha compiuto 18 anni, ma non è nell’età pensionabile.
persona inabile al lavoro, in modo totale e permanente, quindi al 100%, titolare di una invalidità totale
per l'anno 2023, rispettare il limite di reddito annuo da rispettare è pari a 17.920,00 €
l’assegno mensile per invalidità civile viene pagato per 13 mensilità



L'indennità di accompagnamento spetta alle persone invalide civilmente o a quelle che sono totalmente inabili, quindi non in grado di deambulare in assenza dell’ausilio permanente di un accompagnatore, e che neppure riescono ad attendere agli atti quotidiani della loro vita, avendo bisogno di un’assistenza continua. Sono irrilevanti il reddito e l'età del richiedente l'indennità di accompagnamento. L'importo dell'assegno per l'anno 2023 è pari a 527,16 € (6.325,92 € annui), esenti da imposizione fiscale, ed è corrisposto per 12 mensilità.

L'indennità di frequenza spetta per un massimo di 12 mesi, per il sostegno nell’inserimento scolastico e sociale dei ragazzi fino a 18 anni che presentino delle situazioni di disabilità, e che abbiano delle difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni tipiche della propria età. Per l'anno 2023 l'importo mensile della prestazione è di € 313,91.

Se l'invalidità non viene concessa, si può procedere con ricorso amministrativo o giudiziario. Il ricorso amministrativo riguarda il diniego alle prestazioni economiche, mentre il ricorso giudiziario al tribunale civile riguarda il giudizio sanitario della Commissione medico-legale della ASL.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Vuoi chiedere una consulenza online ai nostri Avvocati?

RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Articoli correlati