Permuta terreno di provenienza donativa ed immobile da realizzare cooperativa





A marzo 1997 mia madre, come unica proprietaria, donò a me e a mio fratello un terreno indiviso, lasciando fuori un altro fratello. Nell'atto di donazione sia io che mio fratello veniamo indicati in regime patrimoniale coniugati in comunione legale dei beni.
Il 06/05/1997, dopo la donazione, io e mio fratello abbiamo permutato con una Coop il terreno in cambio di due appartamenti per i quali è stato comunque necessario, per differenza di valutazione nella permuta e spese, accedere ad un mutuo con i rispettivi coniugi. Nell'atto di permuta, nel quale io e mio fratello veniamo sempre indicati in regime patrimoniale coniugati in comunione legale dei beni, non è riportato che il terreno proviene da donazione, così anche nella visura catastale dove viene riportato solo l'atto di permuta del 1997 con la registrazione e la proprietà al 100/100. In questo caso, gli appartamenti ricadono in comunione visto che in entrambi gli atti viene riportato che i donatari sono in comunione legale dei beni, nella permuta non si fa cenno alla donazione così come nella visura catastale, che andrebbe variata, oppure non ricadono, visto che alla base della permuta c'è sempre una donazione, ma che non risulta?

 

RISPOSTA

 

I beni provenienti da donazione non cadono in comunione dei beni, ai sensi dell'articolo 179 comma I lettera b) del codice civile.
Tramite la permuta invece, i coniugi hanno acquisito al patrimonio della comunione legale, determinati beni immobili (appartamenti). Ai sensi dell'articolo 177 comma I lettera a), gli appartamenti entrano in comunione legale, trattandosi di acquisti compiuti dai coniugi, durante il matrimonio.
Si applicano le suindicate norme di legge: gli appartamenti cadono in comunione legale dei beni dei coniugi.



Nel caso è possibile una variazione al catasto?

 

RISPOSTA

 

Il catasto non ha alcuna valenza probatoria, ma soltanto ricognitiva.
Quand'anche, paradossalmente, fosse possibile procedere alla variazione catastale, gli appartamenti resterebbero comunque nella comunione legale dei beni.
Gli appartamenti non sarebbero entrati nella comunione legale dei coniugi, soltanto in applicazione dell'ultimo comma dell'articolo 179 del codice civile: L'acquisto di beni immobili, … , effettuato dopo il matrimonio, è escluso dalla comunione, ai sensi delle lettere c), d) ed f) del precedente comma, quando tale esclusione risulti dall'atto di acquisto se di esso sia stato parte anche l'altro coniuge.
ATTENZIONE: quando tale esclusione dalla comunione legale risulta dall'atto di acquisto se di esso sia stato parte anche l'altro coniuge.
In questo caso invece, nell'atto di permuta non è stata nemmeno indicata la provenienza del terreno da atto di donazione!
La variazione catastale non servirebbe a nulla ...
A disposizione per esaminare l'atto di permuta.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Donazione modale di denaro in favore di fondazione

Donazione modale di denaro in favore di fondazione Buongiorno, Vi chiedo se fosse possibile chiedere la restituzione del quantum, pari a € 1200 donati a Fondazione XXXXXXXXX con la condizione -...

Credito nei confronti della suocera

Credito nei confronti della suocera Buongiorno, Sono regolarmente coniugato con rito civile in regime di separazione dei beni. Dopo 2 anni circa ho eseguito una ristrutturazione di un appartamento...

Donazione tra componenti unione civile

Donazione tra componenti unione civile Buonasera, mi sono unito civilmente (sposato) con mio marito in data 11/07/2019 e su consiglio di un amico avvocato che non ci diede molte esaustive...

Dichiarazione di riconciliazione tra coniugi

Dichiarazione di riconciliazione tra coniugi Circa un anno fa mia moglie mi ha citato in giudizio per una separazione giudiziale che è stata piuttosto sofferta, compresa una CTU durante la fase...