Autocertificare viaggio all'estero per motivi di lavoro





Buonasera, Avrei necessità di un chiarimento in merito all'obbligo di quarantena in caso rientro da un paese extra UE. Leggendo alcuni articoli mi sembra di aver capito che la violazione dell'obbligo di tale tipo di quarantena non comporta conseguenze penali ma solo di natura amministrativa con una sanzione di 400 euro ridotta del 30 per cento in caso di pagamento entro 30 gg.
Conseguenze di natura penali insorgerebbero soltanto nel caso di violazione dell’obbligo di quarantena imposta a soggetti che hanno contratto il virus.
Le interpretazioni che ho reperito leggendo i vari articoli possono essere considerate pacifiche oppure sono controverse?
Un altro chiarimento di cui avrei necessità è se il divieto di spostamento extra UE per motivi di turismo può essere sanzionato oppure se si può essere respinti o bloccati al momento del transito dal posto di polizia in aeroporto.
Avrei necessita di sapere con sufficiente certezza eventuali conseguenze prima di organizzare un eventuale viaggio extra UE. Grazie

RISPOSTA

Il riferimento relativo alla presente consulente è la pagina web ufficiale del Ministero della salute, contenente gli elenchi degli stati esteri, contrassegnati dalle lettera A, B, C, D, E (il rientro dal Brasile ha una normativa a parte), aggiornato con l'ordinanza del Ministro della salute on. Speranza del 16 aprile 2021 “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”.

In generale in caso di rientro da paesi extra UE è previsto:

-obbligo di sottoporsi a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia

-la durata dell’isolamento fiduciario per chi rientra da uno o più Stati o territori ricompresi negli elenchi D e E, è rimodulata a 10 giorni.

-obbligo di sottoporsi ad ulteriore tampone molecolare o antigenico, al termine dei 10 giorni, per coloro che provengono da o hanno soggiornato/transitato, nei 14 giorni precedenti, in uno o più Stati o territori ricompresi negli elenchi D e E.

Confermo quello che hai scritto, ossia la violazione dell'obbligo di tale tipo di quarantena non comporta conseguenze penali ma solo di natura amministrativa: multa di 280 euro (importo ridotto) e 560 se c’è recidiva. Confermo altresì la rilevanza penale per coloro che hanno contratto il virus; il rischio è l’arresto fino a sei mesi con le relative conseguenze penali. Diciamo che per il principio della certezza del diritto, possiamo considerare pacifiche le conclusioni della presente consulenza.

Il divieto di spostamento extra UE per motivi di turismo può essere sanzionato oppure se si può essere respinti o bloccati al momento del transito dal posto di polizia in aeroporto?

Ci sono paesi extra UE laddove è attualmente possibile spostarsi soltanto per motivi di lavoro, salute, assoluta necessità, oggetto di autocertificazione da parte del viaggiatore al momento della partenza dall'Italia.
La polizia in aeroporto ti chiederà l'autocertificazione. Senza l'autocertificazione non ti farà partire. In caso di autocertificazione falsa, ti sarà consentita la partenza, tuttavia dichiarare il falso in un'autocertificazione configura responsabilità penale (pensa a quanti ingenui autocertificano di andare all'estero per motivi di salute e poi postano le loro foto su FB al mare a prendere il sole … ).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Proventi opere dell'ingegno del dipendente pubblico

Proventi opere dell'ingegno del dipendente pubblico Buongiorno, sono un dipendente ASL (Regione Umbria) a tempo pieno e vi avevo già chiesto una consulenza riguardante la possibilità di effettuare...