Prescrizione reato di peculato





Buongiorno, premetto che sono seguito da un penalista; in allegato l'atto ricevuto dalla Procura della Repubblica in marzo 2021 relativa alla mia attività di Amministrazione di Sostegno dal 2014, per mia madre deceduta il 13/10/2017.
La domanda che pongo, anche se abbiamo deciso di ricorrere in giudizio avendo documentazioni attestanti la mia non colpevolezza, è se e quando possa essere PRESCRITTO tale reato.
Grazie.

RISPOSTA

Il reato che hai commesso è quello di peculato di cui all'articolo 314 comma 1 del codice penale. Non si tratta di peculato d'uso di cui al comma 2, giacché non hai agito al solo scopo di fare uso momentaneo del denaro prelevato allo sportello, e questo, dopo l'uso momentaneo, è stato immediatamente restituito alla madre.
Il peculato di cui al comma 1 è punito con la reclusione fino a dieci anni e sei mesi.
Secondo l'articolo 157 del codice penale, la prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto.

Tempo di prescrizione pari a 10 anni e sei mesi per il peculato.

Considera che i primi episodi di peculato risalgono al 2014 …
Non solo: il termine di 10 anni e sei mesi potrebbe essere interrotto ai sensi dell'articolo 160 del codice penale, ad esempio in caso di invito dell'indagato a presentarsi al pubblico ministero per rendere l'interrogatorio.
In caso di interruzione del termine di prescrizione, quest'ultimo sarebbe esteso di 1/4.
Qual è 1/4 di 10 anni e sei mesi? Due anni, sette mesi, quindici giorni.
Per la prescrizione servono 13 anni, 1 mese e 15 giorni, da ciascun episodio di peculato.
Se gli episodi più risalenti nel tempo, risalgono al 2014, potremo parlare di prescrizione del reato a partire dall'anno 2027 (considerato che prima del 2024, la prescrizione di dieci anni e sei mesi, sarà certamente interrotta, quanto meno da un interrogatorio dell'indagato dinanzi al pubblico ministero).

Art. 314 Codice Penale. Peculato
Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio o servizio il possesso o comunque la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria, è punito con la reclusione da quattro a dieci anni e sei mesi.
Si applica la pena della reclusione da sei mesi a tre anni quando il colpevole ha agito al solo scopo di fare uso momentaneo della cosa, e questa, dopo l'uso momentaneo, è stata immediatamente restituita


Art. 157 del codice penale - Prescrizione. Tempo necessario a prescrivere.
La prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto e a quattro anni se si tratta di contravvenzione, ancorché puniti con la sola pena pecuniaria.
Per determinare il tempo necessario a prescrivere si ha riguardo alla pena stabilita dalla legge per il reato consumato o tentato, senza tener conto della diminuzione per le circostanze attenuanti e dell'aumento per le circostanze aggravanti, salvo che per le aggravanti per le quali la legge stabilisce una pena di specie diversa da quella ordinaria e per quelle ad effetto speciale, nel qual caso si tiene conto dell'aumento massimo di pena previsto per l'aggravante


Art. 160 - Interruzione del corso della prescrizione.
Il corso della prescrizione è interrotto dalla sentenza di condanna o dal decreto di condanna. Interrompono pure la prescrizione l'ordinanza che applica le misure cautelari personali e quella di convalida del fermo o dell'arresto, l'interrogatorio reso davanti al pubblico ministero o al giudice, l'invito a presentarsi al pubblico ministero per rendere l'interrogatorio, il provvedimento del giudice di fissazione dell'udienza in camera di consiglio per la decisione sulla richiesta di archiviazione, la richiesta di rinvio a giudizio, il decreto di fissazione della udienza preliminare, l'ordinanza che dispone il giudizio abbreviato, il decreto di fissazione della udienza per la decisione sulla richiesta di applicazione della pena, la presentazione o la citazione per il giudizio direttissimo, il decreto che dispone il giudizio immediato, il decreto che dispone il giudizio e il decreto di citazione a giudizio


Art. 161 - Effetti della sospensione e della interruzione.
La sospensione e l'interruzione della prescrizione hanno effetto per tutti coloro che hanno commesso il reato.
Salvo che si proceda per i reati di cui all'articolo 51, commi 3-bis e 3-quater, del codice di procedura penale, in nessun caso l'interruzione della prescrizione può comportare l'aumento di più di un quarto del tempo necessario a prescrivere, della metà nei casi di cui all'articolo 99, secondo comma, di due terzi nel caso di cui all'articolo 99, quarto comma, e del doppio nei casi di cui agli articoli 102, 103 e 105


A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Accesso agli atti condomino bonus facciate

Accesso agli atti condomino bonus facciate Buongiorno, sono proprietario di un appartamento in un condominio composto da 24 unità in cui si stanno eseguendo dei lavori in facciata sfruttando il...

Disdetta anticipata contratto telefonico

Disdetta anticipata contratto telefonico Buongiorno, a seguito di un cambio operatore di telefonia fissa, dopo 8 mesi mi è arrivata la bolletta di disdetta anticipata del vecchio operatore; se come ho...