Bonifico errore beneficiario, richiesta rimborso con il recall





Gentile avvocato, ho per errore inviato un bonifico bancario online da 3500 euro ad un destinatario errato, tramite la mia banca per 2 volte abbiamo richiesto indietro i miei soldi con il recall, ma il fortunato beneficiario non ha risposto che non ha intenzione di restituire la somma che ha ingiustamente ricevuto.
Chiedo pertanto una consulenza a voi perché credo che io abbia tutto il diritto di riavere i miei soldi e credo che per appropriazione indebita mi debbano rendere il denaro. Certo di una vostra risposta attendo. Grazie, buon lavoro.

 

RISPOSTA



E' possibile tutelare la tua posizione creditoria, perseguendo la via penale oppure quella civile. Per via penale, intendo una denuncia per appropriazione indebita nei confronti del beneficiario del bonifico errato che ha negato il consenso alla restituzione delle somme oggetto di indebito.
La pena prevista per il reato di appropriazione indebita è quella della reclusione fino a 3 anni e di una multa fino a 1.032 euro. Il reato è disciplinato dall'articolo 646 del codice penale.

“Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a milletrentadue euro”.

Prima di sporgere denuncia per appropriazione indebita, consiglio di formalizzare la richiesta di rimborso ed il conseguente diniego del beneficiario del bonifico errato.
La documentazione relativa alla richiesta di restituzione delle somme oggetto del bonifico errato, dovrà essere allegata alla denuncia penale da presentare presso la Procura della Repubblica competente territorialmente. E' la prova della malafede del debitore, ossia l'elemento psicologico del dolo!

Per via civilistica, intendo la possibilità di avvalersi dell'articolo 2033 del codice civile

Art. 2033 del codice civile - Indebito oggettivo.
Chi ha eseguito un pagamento non dovuto ha diritto di ripetere ciò che ha pagato. Ha inoltre diritto ai frutti e agli interessi dal giorno del pagamento, se chi lo ha ricevuto era in mala fede, oppure, se questi era in buona fede, dal giorno della domanda.

Sempre allegando copia della documentazione relativa alla richiesta di restituzione dell'importo di 3.500 euro (documentazione comprovante il recall), è possibile procedere con atto di citazione al tribunale civile di residenza del debitore, per ottenere restituzione dell'indebito oggettivo, ossia del pagamento non dovuto nei confronti di questo “burlone” …
In questo caso, sarà necessaria l'assistenza di un avvocato difensore.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Nuovi limiti al pignoramento dello stipendio

Nuovi limiti al pignoramento dello stipendio Buongiorno, ho ricevuto atto di pignoramento dello stipendio presso la ditta in cui lavoro. Attualmente faccio un lavoro part-time di 20 ore settimanali e...