Come impedire la successione in favore dei figli nati dal precedente matrimonio del coniuge





Egr. sig. Avvocato vengo a Lei per chiederLe consiglio in merito a problemi di eredità. Sono sposato, in separazione dei beni con mia moglie che era una vedova con 3 figli, mai riconosciuti e/o adottati da me, tanto è vero che hanno conservato il cognome del padre naturale. Sono intestatario unico di una casa al mare, eredità dei miei genitori, e, in comproprietà al 50% con mia moglie, dell'appartamento in cui viviamo regolarmente. Non avendo per vari motivi soprattutto di interesse un rapporto felice con i figli di mia moglie, Le chiedo come devo muovermi e/o cosa fare per farsì che questi 3 figli di mia moglie non abbiano alcunché a pretendere su ciò che è di mia proprietà nel momento in cui verrò a mancare e se e come posso decidere a chi destinare le mie proprietà senza che i miei eredi designati abbiano a che avere problemi.
Le sarei grato anche se mi informasse su cosa succederà e cosa devo fare se fosse mia moglie a venir meno prima di me.
Grato sin da ora per il Suo tempo dedicatomi e resto a Sua disposizione per ogni domanda che Lei vorrà farmi in merito.
Distinti saluti

 

RISPOSTA



I figli di tua moglie non avranno alcun diritto successorio nei confronti del tuo asse ereditario, al momento del tuo decesso.
Immagino che tu abbia intenzione di redigere testamento olografo oppure per atto pubblico: ai sensi dell'articolo 540 del codice civile, in caso di successione testamentaria, il coniuge ha diritto alla quota di legittima pari al 50% dell'asse ereditario, oltre al diritto di abitazione sulla ex casa familiare. In presenza di testamento, sarai obbligato a destinare il 50% del tuo asse ereditario alla moglie; sarai invece libero di attribuire la quota disponibile pari all'altro 50%, a chi ti pare … In caso di successione per legge, in assenza di testamento, l'asse ereditario sarà devoluto al solo coniuge (poiché non hai figli, ai sensi dell'articolo 583 del codice civile) ovvero al coniuge in concorso con i tuoi fratelli (2/3 al coniuge – 1/3 ai fratelli, come da articolo 582 del codice civile). Nel caso in cui tua moglie dovesse sopravvivere al tuo decesso, la stessa sarebbe libera di destinare quelli che sono attualmente i tuoi beni, in favore dei suoi figli, in quanto tali beni sarebbero entrati a far parte, a tutti gli effetti, del suo patrimonio personale.

Nel caso in cui tu dovessi sopravvivere al decesso di tua moglie, non avresti più alcun obbligo di legittima in caso di successione testamentaria, quindi potresti destinare i tuoi beni, sempre con testamento, a chi ti pare …

Diversamente, in assenza di testamento, deceduta tua moglie, i tuoi beni sarebbero ereditati dai tuoi parenti più prossimi, ai sensi dell'articolo 570 del codice civile (fratelli) ovvero dell'articolo 572 del codice civile (altri parenti). I figli di tua moglie non sono legati a te da nessun rapporto di parentela; questi potrebbero entrare in possesso dei tuoi beni, soltanto ereditandoli dalla madre, qualora tua moglie sopravvivesse al tuo decesso.

Un consiglio? Vendere la nuda proprietà dell'immobile al mare, riservandoti l'usufrutto, in modo tale che l'immobile in questione non entri a far parte della successione in favore di tua moglie. La casa familiare? Sarà molto difficile vendere la nuda proprietà della tua quota pari al 50% … non se la comprerebbe nessuno …
Nel caso in cui dovessi decedere prima di tua moglie, temo che quella quota immobiliare, successivamente (alla morte della madre), entrerà a far parte del patrimonio dei figli di tua moglie.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Testamento olografo con nomina del marito unico erede

Testamento olografo con nomina del marito unico erede Buongiorno, sono una donna coniugata in regime di comunione dei beni e senza figli. Ho una sorella e genitori ancora fortunatamente in vita. Sto redigendo...