Vendita auto usata del de cuius prima della dichiarazione di successione





Gentile avvocato, mio padre è deceduto da circa un mese lasciando al coniuge ed ai suoi due figli, tra gli altri cespiti, un'automobile immatricolata nell'anno 2015 che era a lui intestata.

Mio cugino vorrebbe acquistare l'auto usata che era intestata a mio padre; siamo tutti d'accordo nel vendere la vettura ed abbiamo trovato anche un accordo sul prezzo.

Per la presentazione della dichiarazione di successione all'agenzia delle entrate occorrerà del tempo, giacché i cespiti facenti parte dell'asse ereditario sono numerosi ed importanti. E' possibile vendere l'autovettura che era intestata al “de cuius” prima di avere presentato la pratica di successione, ossia la dichiarazione di successione all'agenzia delle entrate?

 

RISPOSTA

 

Certamente sì, ai sensi dell'articolo 12 lettera l) del d.lgs. 346 del 31 ottobre 1990; secondo la suindicata norma del testo unico successioni, i “veicoli iscritti nel pubblico registro automobilistico” non sono compresi nell'attivo ereditario.

Ad ogni modo, gli eredi devono fare i conti con la necessità di rispettare la norma contenuta nell'articolo 94 del d.lgs. n. 285/1992, giacché in caso di trasferimento della proprietà di un veicolo, è necessario fare richiesta al PRA (pubblico registro automobilistico), entro 60 giorni dal passaggio di proprietà, al fine di ottenere la trascrizione del trasferimento ed il rilascio del nuovo certificato di proprietà.

La suindicata norma si applica sia nel caso in cui si decida di intestare la vettura del “de cuius” in favore di un terzo, che nel caso in cui si decida di intestarla ad un unico erede.

In caso di pluralità di eredi, come in questo caso, occorre presentare allo sportello ACI la seguente documentazione:

a)certificato di proprietà dell'auto

b)dichiarazione sostitutiva dell'atto notorio con la quale si autocertifica lo status di erede, secondo la normativa di cui al DPR 445/2000

c)atto di vendita delle quote del veicolo a favore del terzo (oppure in favore del singolo coerede) tramite duplice adempimento pubblicitario in favore sia dei coeredi che del soggetto terzo – beneficiario finale del veicolo, in ragione dell'atto di vendita.

Sono previste le formalità assoggettate all'imposta provinciale di trascrizione ai sensi dell'articolo 56 del d.lgs. 446/1997.

Si precisa che è possibile acquistare un'autovettura anche da un proprietario che non risulta intestatario al PRA, a patto che sia in possesso del titolo di proprietà, alla luce del principio di cui all'articolo 2688 del codice civile. È sufficiente, a tale fine, la mera sottoscrizione del venditore, apposto su di un atto redatto separatamente, a patto che il venditore sia in possesso del certificato di proprietà o del foglio complementare.

A disposizione per chiarimenti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Suddivisione spese cancello automatico

Suddivisione spese cancello automatico Buongiorno, abito in una strada privata di 4 ville singole. La strada di passaggio è comune, io ne sono il proprietario mentre le altre famiglie vantano una...