Detrazione ristrutturazione edilizia fatture per lavori mai eseguiti





Buonasera, la consulenza da me richiesta riguarda i presupposti per le detrazioni relative a ristrutturazioni edilizie dell'appartamento di cui siamo proprietari io e mio marito.

RISPOSTA

L'agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è prevista dall'art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall'Irpef del 50% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare.
La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
Ti chiedo di confermare che si tratta proprio di questa detrazione, visto che il legislatore ha previsto diverse tipologie di agevolazioni fiscali?



In particolare: - nell'anno 2020 ho presentato Cila con architetto Sig. X e Ditta Y che doveva eseguire i lavori. Tale ditta ha emesso nei confronti di mio marito (titolare della detrazione) due fatture per l'acquisto dei materiali pagate attraverso bonifico bancario parlante.

RISPOSTA

Fatture pagate nel 2020.



A causa del Covid-19 i lavori non sono mai iniziati e nel corso del 2021, per incomprensioni con architetto sig. X e ditta Y decido di revocare entrambi dall'incarico e affidare tutto ad un nuovo architetto Sig. Z e ad una nuova Ditta W. Con il nuovo architetto Sig. Z abbiamo modificato il progetto della casa dovendo chiudere Cila precedente per lavori mai eseguiti ed aprirne una nuova.

RISPOSTA

Aprirne una nuova in continuità con la precedente, nel senso che la chiusura della precedente è contestuale alla presentazione della nuova CILA (anche se gli aspetti progettuali sono differenti). Attenzione, in caso di prosecuzione di una precedente ristrutturazione (2020), il limite di spesa per i nuovi lavori (2021) non sarà 96 mila euro, ma si dovrà tenere conto delle somme già spese nel 2020.



La mia domanda è: posso portare in detrazione le spese per l'acquisto dei materiali fatturati dalla ditta Y e la fattura dell'architetto Sig. X anche se la prima Cila 2020 è poi stata chiusa inserendo nella causale della pratica di chiusura: "lavori mai eseguiti"?

RISPOSTA

Devo esaminare le fatture.
Qual è l'oggetto delle fatture ?
“Acconto per acquisto di materiali” ? Non credo …
Secondo me, in fattura è scritto "OGGETTO: prestazioni lavori edili immobile in _____________”
Se l'oggetto della fattura è “prestazioni lavori edili immobile in _________” ma questi lavori ufficialmente non sono stati eseguiti, pertanto la fattura andrebbe annullata … soltanto che essendo una fattura del 2020, non potrebbe essere più annullata nel 2021 …
La ditta ha già presentato la dichiarazione dei redditi per l'anno 2020!



I lavori sono iniziati solo dopo la presentazione della nuova Cila 2021

RISPOSTA

La risposta alla presente consulenza dipende dall'oggetto delle fattura pagate nel 2020. Posso esaminare queste fatture?



I materiali acquistati dalla ditta Y sono quelli poi utilizzati dalla ditta W subentrata.

RISPOSTA

D'accordo, ma nell'oggetto delle fatture dell'anno 2020 è scritto “acconto per acquisto materiale edilizio”?
Se nella fattura è scritto “lavori edilizi presso immobile in ________________” quella fattura andava annullata, l'impresa Y avrebbe dovuto fatturare all'impresa W che avrebbe dovuto poi fatturare a voi!
… considerato che la ditta Y non ha mai eseguito i lavori.
Resto in attesa delle fatture dell'anno 2020 da esaminare per concludere la presente consulenza.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Contatore del gas nella proprietà del vicino

Contatore del gas nella proprietà del vicino Buon giorno Avv.to, io sono proprietaria di una porzione di bifamiliare vecchio stile sotto sopra, nello specifico occupo la parte superiore. Da circa 15 anni la...