Cessione dei diritti d’autore non vi è obbligo di versare i contributi alla gestione separata INPS





Vorremmo sapere se un soggetto che percepisce diritti di autore è soggetto al pagamento dei contributi Inps.
Grazie

RISPOSTA

La cessione dei diritti d’autore non comporta l’obbligo di versare i contributi alla gestione separata INPS, salvo casi eccezionali come i lavoratori iscritti al fondo dei lavoratori dello spettacolo ovvero iscritti alla Cassa professionale dei giornalisti che devono versare i contributi all’istituto di appartenenza. A conferma, possiamo citare il messaggio n. 19435/2013 dell’INPS in allegato alla presente email.
Con il messaggio 19435/2013, l'INPS modifica la precedente interpretazione contenuta nei messaggi 14802/2013 e 14712/2013, diametralmente opposta rispetto al contenuto sostanziale del messaggio n. 19435/2013: “il compenso percepito per lo sfruttamento economico del diritto di autore da parte lavoratore autonomo non iscritto al Fpls né ad una Cassa Professionale è escluso da qualsiasi obbligo contributivo, anche nei confronti della Gestione separata ex art. 2, comma 26, Legge n. 335/1995”

Le somme percepite in ragione della cessione dei diritti d'autore devono invece essere inserite in dichiarazione dei redditi al quadro RL rigo 25.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Contributi volontari per accesso a quota 100

Contributi volontari per accesso a quota 100 Buongiorno, sono una dipendente statale con 35 anni di contributi versati dal mio datore di lavoro e 63 anni anagrafici; orbene con il 2021 arrivo a 64...