Tassazione auto aziendali differenziata in base ai valori di anidride carbonica emessa





Egr. avvocato, cosa prevede la legge finanziaria per l'anno 2020, legge del 27 dicembre 2019, n. 160 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022) a proposito dei veicoli aziendali, ossia le auto concesse in uso promiscuo ai dipendenti per fini sia lavorativi che personali?
C'è stato l'incremento di tassazione di cui si parlava sui giornali?

 

RISPOSTA



L'aumento di tassazione colpirà soltanto i contratti stipulati a partire da luglio 2020 relativi ai veicoli maggiormente inquinanti e di nuova immatricolazione, al fine di favorire l’utilizzo di mezzi di trasporto aventi un minor impatto ambientale.
La finanziaria prevede un'ipotesi in cui il fringe benefit (auto con emissioni di anidride carbonica non superiori a 60 grammi per chilometro), ossia il “compenso in natura” tassabile, scenderà: sarà pari al 25%, anziché l’attuale 30%, dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio.

Il costo chilometrico di esercizio è indicato in apposite tabelle, che l’ACI elabora annualmente entro il 30 novembre e comunica al Ministero dell’economia e delle finanze, per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre, con effetto dal periodo d’imposta successivo.

Tanto premesso,

a)relativamente ai contratti stipulati fino al 30 giugno 2020, continuerà ad applicarsi l’attuale disciplina (articolo 51, comma 4, del TUIR – D.P.R. n. 917/1986), secondo cui, per gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo ai dipendenti, costituisce reddito tassabile il 30% del costo chilometrico ACI.

b)per i contratti stipulati dal 1° luglio, la percentuale sarà differenziata in base ai valori di anidride carbonica emessa (più questi aumentano e, quindi, più si inquina, più cresce il reddito figurativo e, conseguentemente, la relativa imposta dovuta):

- per i veicoli con CO2 non superiore a 60 grammi per chilometro (fondamentalmente, i modelli elettrici e quelli ibridi plug-in, cioè ricaricabili dalla rete elettrica), si considera il 25%, anziché l’attuale 30%, del costo chilometrico ACI;
- in caso di emissioni superiori a 60 ma non a 160 grammi per chilometro (in questa fascia si trova la maggior parte delle auto aziendali), si considera il 30% del costo chilometrico ACI, lo stesso valore della norma vigente;
- in caso di emissioni superiori a 160 ma non a 190 grammi per chilometro, si considera il 40% per l’anno 2020 e il 50% per il 2021;
- in caso di emissioni superiori a 190 grammi per chilometro, si considera il 50% per il 2020 e il 60% per il 2021.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati

Auto intestate al defunto

Auto intestate al defunto Gentile avvocato è deceduto mio padre, gli unici eredi siamo io e mia sorella. L'asse ereditario di mio padre è costituito da un'auto intestata al de cuius ed una seconda...

Trasferimento d'autorità del militare convivente

Trasferimento d'autorità del militare convivente Buongiorno, sono un Ufficiale in Servizio Permanente Effettivo della Marina Militare e presto servizio a Taranto (XX). La mia compagna, vincitrice di concorso...