Illegittima notifica al deceduto per violazione al codice della strada





La problematica è la seguente: devo notificare in qualità di messo comunale un atto amministrativo di violazione al codice della strada pervenuta da un altro comune. Il soggetto proprietario del veicolo a cui devo notificare l'atto e' deceduto da meno di un anno.
Nell'atto da notificare emerge che la violazione è stata commessa dopo la morte del proprietario del veicolo.
Quindi non ci sarebbero le condizioni dell'art. 199 cds, giusto?

 

RISPOSTA

 

Confermo: l'articolo 199 del Codice della strada prevede che l'obbligazione di pagamento a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria non si trasmette agli eredi, stante la responsabilità personale correlata alla violazione di legge.



Nella lettera di accompagnamento dell'atto da notificare viene indicato quanto segue: Si resta in attesa di copia munita della relata di avvenuta notificazione.

 

RISPOSTA

 

La notifica indirizzata al defunto è illegittima, poiché non si può inviare una raccomandata ad un soggetto deceduto, ossia indicando il suo nome e cognome sull'intestazione dell'atto giudiziario.



In caso di destinatario deceduto, si prega inviare le esatte generalità degli eventuali eredi.

 

RISPOSTA

 

Esatto, è proprio questa l'opzione da percorrere.
Devi inviare le esatte generalità degli eredi del proprietario del veicolo. Come individuare gli eredi del proprietario del veicolo?
Certamente il coniuge ed i figli sono soggetti legittimari, ossia hanno diritto alla quota di legittima, secondo quanto previsto dall'articolo 536 del codice civile.
Occorre indicare il nominativo e l'indirizzo del coniuge e dei figli, per quanto a conoscenza degli uffici comunali.
Il de cuius non era sposato e non aveva figli?
Probabilmente avrà fatto testamento, lasciando i suoi beni ad un conoscente. Puoi chiedere all'ufficio tributi (IMU) se hanno conoscenza giuridica di colui che ha ereditato i beni del de cuius.
Devi porre in essere tutti gli accorgimenti più opportuni per venire a conoscenza degli eredi del de cuius.



Nel caso l'interessato risulti trasferito, si prega inviare la presente richiesta al Comune nel quale il violatore è emigrato.

 

RISPOSTA

 

Non è questo il caso.



In caso di irreperibilità ad accertata la residenza, si prega di procedere ai sensi dell'art 140 CPC presso la casa comunale, oppure ai sensi dell'art 143 cpc mediante affissione all'albo comunale. Come mi comporto?

 

RISPOSTA

 

Non è nemmeno questo il caso



Rimando indietro l'atto con indicazione del decesso allegando certificato di morte e certificato di stato di famiglia?

 

RISPOSTA

 

Sì, certo; il coniuge ed i figli hanno diritto alla legittima, quindi salvo rinuncia all'eredità, gli eredi sono loro!
Procedi in questo modo.



Devono rinviarmi l'atto con indicazione esplicita a chi notificare l'atto (con nome dell'erede a cui dovrei notificare l'atto)

 

RISPOSTA

 

Esatto.
Devi indicare il nominativo degli eredi a cui notificare l'atto.



oppure sono tenuto a notificare comunque l'atto ai sensi dell'art 138 alla moglie del defunto? devo notificare anche ai figli? Potreste illustrarmi come impostare la relata di notifica?

 

RISPOSTA

 

Commetteresti un grave errore!
La notifica indirizzata al defunto è illegittima, poiché non si può inviare una raccomandata ad un soggetto deceduto, ossia indicando il suo nome e cognome sull'intestazione dell'atto giudiziario.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati