Sindaco direttore lavori opere urbanizzazione





Buongiorno,
di seguito il quesito:
Il sindaco del mio Comune (meno di 5000 abitanti) è anche responsabile dell'Aria tecnica e dell'Area finanziaria.
Un affidamento diretto è stato dato ad una ditta di lavori pubblici per la realizzazione di opere di urbanizzazione per un importo di € 164.179,35.
Sul cartello affisso a prossimità del cantiere figura, oltre al nome dell'architetto progettista, del direttore del cantiere e dell'assistente del direttore del cantiere, anche il nome del sindaco quale direttore dei lavori.
La mia domanda è:
-per tale importo poteva non esserci un appalto?
-il sindaco può essere anche direttore dei lavori?
Cordiali saluti.

RISPOSTA

A seguito del decreto semplificazioni n. 76/2020 convertito nella legge n. 120/2020, è ammesso l'affidamento diretto per i lavori fino a 150.000 euro.
L'importo pari a 164.179,35 euro è comprensivo di Iva?
Se comprensivo di Iva, l'affidamento dovrebbe essere al di sotto della soglia di 150.000 euro. L'Iva non va considerata ai fini della soglia pari a 150.000 euro.

L’art. 53, c. 23, della legge n. 388/2000 prevede che “Gli enti locali con popolazione inferiore a cinquemila abitanti fatta salva l’ipotesi di cui all’articolo 97, comma 4, lettera d), del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, anche al fine di operare un contenimento della spesa, possono adottare disposizioni regolamentari organizzative, se necessario anche in deroga a quanto disposto all’articolo 3, commi 2, 3 e 4, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni, e all’articolo 107 del predetto testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, attribuendo ai componenti dell’organo esecutivo la responsabilità degli uffici e dei servizi ed il potere di adottare atti anche di natura tecnica gestionale. Il contenimento della spesa deve essere documentato ogni anno, con apposita deliberazione, in sede di approvazione del bilancio”.

Il Sindaco può avere incarico di RUP – direttore dei lavori?
Secondo l'ANAC la risposta è positiva a condizione che la deroga sia applicata soltanto in caso di carenza in organico di figure idonee a ricoprire la funzione e qualora detta carenza non possa essere altrimenti superata senza incorrere in maggiori oneri per l’amministrazione.

Possibile che nell'ufficio lavori pubblici del comune non ci sia un dipendente comunale tecnico, idoneo a svolgere il ruolo di direttore dei lavori?
Generalmente, anche nei comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti, il sindaco è il titolare della posizione organizzativa, ma il RUP – direttore dei lavori lo fa il geometra oppure l'ingegnere comunale …
Riporto di seguito la FAQ dell'ANAC e resto a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

FAQ - Linee guida n. 3, di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti «Nomina, ruolo e compiti del responsabile unico del procedimento per l’affidamento di appalti e concessioni

1. Come si coordinano le previsioni delle linee guida con l’art. 53 comma 23 della legge 388/2000 secondo cui gli enti locali con popolazione inferiore a cinquemila abitanti, fatta salva l’ipotesi di cui all’articolo 97, comma 4, lettera d), del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, anche al fine di operare un contenimento della spesa, possono adottare disposizioni regolamentari organizzative, se necessario anche in deroga a quanto disposto all’articolo 3, commi 2, 3 e 4, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni (ora articolo 4, commi 2, 3 e 4, decreto legislativo n. 165 del 2001), e all’articolo 107 del predetto testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, attribuendo ai componenti dell’organo esecutivo la responsabilità degli uffici e dei servizi ed il potere di adottare atti anche di natura tecnica gestionale?
Sulla base di tale previsione, infatti, le amministrazioni hanno la facoltà di affidare l’incarico di RUP ai componenti della giunta. La deroga di cui all’art. 53, comma 23, della legge 388/2000 prevede la possibilità di attribuire ai componenti dell’organo esecutivo la responsabilità degli uffici e dei servizi ed il potere di adottare atti anche di natura tecnica gestionale, «se necessario anche in deroga a quanto disposto all'articolo 3, commi 2, 3 e 4, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni, e all'articolo 107 del predetto testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali». Con specifico riferimento al conferimento dell’incarico di RUP, il presupposto della “necessità” impone che la deroga sia applicata soltanto in caso di carenza in organico di figure idonee a ricoprire la funzione e qualora detta carenza non possa essere altrimenti superata senza incorrere in maggiori oneri per l’amministrazione. Pertanto, in caso di carenza in organico di figure idonee a ricoprire l’incarico di RUP, la stazione appaltante deve verificare, in via prioritaria, la possibilità di attribuire l’incarico ad un qualsiasi dirigente o dipendente amministrativo in possesso dei requisiti o, in mancanza, ad una struttura di supporto interna formata da dipendenti che, anche per sommatoria, raggiungano i requisiti minimi richiesti dalle Linee guida n. 3/2016 o, ancora, di svolgere la funzione in forma associata con altri Comuni, senza incorrere in maggiori oneri. In sostanza, si ipotizza che soltanto quando l’unica alternativa percorribile nel caso concreto per superare la carenza in organico di figure idonee a ricoprire l’incarico di RUP sia rappresentata dalla costituzione di una struttura di supporto esterna formata da membri scelti con procedure di evidenza pubblica, potrà ritenersi configurato il presupposto della necessità richiesto dall’art. 53, comma 23, della legge 388/2000 per l’applicazione della deroga ivi prevista».

Cordiali saluti.

Fonti:

 

Articoli correlati